INSTAGRAM TV. Iniziano le trasmissioni verticali

Il 20 Giugno 2018 è stata lanciata IGTV, la TV di Instagram. Si tratta di una nuova applicazione, direttamente collegata a Instagram, dedicata alla fruizione di video. E’ una sorta di evoluzione delle Instagram Stories: vengono mantenuti la logica mobile e il formato verticale, ma è possibile caricare video più lunghi, fino ad un massimo di un’ora, che restano online anche dopo 24 ore.

Mentre l’icona dell’app di Instagram si rifà alla polaroid, la macchina fotografica vintage per definizione, quella di IGTV riprende la TV old school con tanto di antenne, come a volersi presentare come rimediazione dell’ormai datato mezzo di comunicazione. Inoltre, il riferimento alla TV retrò è presente anche all’interno dell’app, con l’effetto di sintonizzazione dei canali che viene proposto tra un video e l’altro. Un’altra similitudine tra la televisione tradizionale e la IGTV è il fatto che si tratti di un flusso ininterrotto di trasmissioni, che partono in automatico, come un palinsesto predefinito che viene proposto al fruitore, il quale può decidere se fare zapping da un contenuto all’altro. Con IGTV è però possibile rimettere i video dall’inizio, oppure interromperli e riprenderli quando si vuole, come su Netflix.

Nonostante queste similitudini, non è alla TV che Instagram vuole fare concorrenza, ma piuttosto a YouTube. Gli Youtubers potrebbero pensare di spostare i propri contenuti su Instagram, dove possono raggiungere più facilmente i propri fan. Infatti, già da diverso tempo sfruttano i propri profili Instagram per segnalare l’uscita di un nuovo video su YouTube, attraverso il link veloce nelle Stories. Uno dei punti di forza di IGTV è proprio l’immediatezza: i video caricati sulla piattaforma possono essere facilmente condivisi con i propri follower di Instagram inserendo il collegamento nelle Instagram Stories, e il canale è accessibile sul profilo di fianco agli Highlights. Questo permette agli utenti di fruire dei contenuti senza uscire dalla piattaforma Instagram, facilitando il passaggio da un ambiente all’altro. Tuttavia, alcuni Creators potrebbero essere restii a spostare i propri video su IGTV perché, mentre su YouTube è possibile monetizzare il proprio lavoro, su Instagram non c’è un guadagno, almeno per ora.

IGTV presenta alcune specificità che la differenziano da YouTube. Innanzitutto il formato verticale, certamente più idoneo alla fruizione da Smartphone, non è adatto a qualsiasi tipo di video, perché alcune immagini necessitano di un formato più largo per funzionare (pensiamo ad esempio a una partita di calcio). Per cui IGTV non può sostituire totalmente YouTube, ma piuttosto concentrarsi su una tipologia di video, ad esempio i video parlati. Potrebbe essere utile per quegli influencer che tendono a fare una decina di Stories, una dietro l’altra, per mostrare i prodotti che sponsorizzano: con IGTV non hanno più il limite di 15 secondi, per cui possono fare un video unico in cui spiegare pregi e difetti di un prodotto.

Alcuni tra gli influencer più popolari hanno subito sfruttato questa nuova applicazione: c’è chi sta riciclando vecchi contenuti, senza tenere conto del formato verticale, e chi invece ha già creato contenuti ad hoc. Chiara Ferragni l’ha sfruttata per mostrare la sua nuova casa, aiutata dal compagno Fedez, e ha subito ottenuto più di 1 milione di visualizzazioni.

In queste prime settimane di vita di IGTV sarà sicuramente interessante vedere come i diversi profili, da quelli degli influencer a quelli dei brand, dalle celebrità ai politici, sperimenteranno l’uso di questa piattaforma. Ma soprattutto c’è da chiedersi se questa applicazione otterrà successo e se soppianterà YouTube o si limiterà ad essere un canale aggiuntivo con cui raggiungere il proprio pubblico.

Flavia Cimatti

Annunci