NEGLI ADOLESCENTI SPOPOLA LA RELAZIONE TRA DEPRESSIONE E SMARTPHONE. DA COSA E’ PROVOCATA?

Lo sappiamo bene tutti, ormai, lo smartphone è diventato parte integrante della nostra vita quotidiana e ogni giorno sempre di più interessa non solo gli adulti ma soprattutto gli adolescenti, che quasi non riescono più a farne a meno. Oggi, infatti, secondo alcuni studi, nelle case sono maggiormente presenti le “nuove tecnologie” e non i “media tradizionali“, che spesso, vengono usati in modalità multi screen (Gli smartphone contano quota 100% mentre la televisione è ferma al 95%).

In questo caso, però, i soggetti più a rischio sono proprio gli adolescenti. L’adolescenza è una tappa della vita molto difficile da affrontare, a causa delle sue insidie, della sua voglia di riscatto e di indipendenza dagli adulti. Dunque, i soggetti più deboli, quando qualcosa non funziona, soprattutto, a scuola, nella famiglia, con gli amici o con la prima cotta, anziché rifugiarsi nelle persone più vicine a loro, trovano conforto nei dispositivi, isolandosi e affidando a “lui”, come se fosse una figura reale, i pensieri, le sofferenze oppure le gioie.

 

Infatti, se prendiamo come riferimento, gli Stati Uniti, tra il 2010 e il 2015, il numero degli adolescenti depressi è cresciuto del 33%. Una cifra che aumenta sempre di più a causa, anche, dell’ascesa degli smartphone. Quindi, i social media, e un normale schermo hanno il potere di far indossare a qualsiasi persona, di qualsiasi età, una specie di maschera, che magari, non viene usata nella vita effettiva. I ragazzi, infatti, si ritirano dietro a un display semplicemente per il fatto che, spesso, questo facilita le cose e viene usufruito da coloro che si vergognano nelle relazioni interpersonali e pensano di essere visti in modo negativo da parte degli altri, cosa che difficilmente accade online. Questo, perchè, nel momento in cui spengono/escono da Fb/Twitter, la conversazione finisce lì e loro possono decidere di non avere più a che fare con quelle stesse persone con cui hanno avuto dei diverbi.

A questo punto, però, bisogna fare una piccola precisione, perché per gli adolescenti che usano in modo smisurato i social e li considerano come “amici virtuali” potrebbero cadere in episodi poco piacevoli.

 

Dunque, dagli studi, infatti, emerge che gli adolescenti che trascorrono più di 5 ore al giorno, online, hanno il 71% di possibilità in più di soffrire di depressione rispetto a chi trascorre meno tempo sui dispositivi. Ciò è stato confermato, anche, da una ricerca effettuata su un campione di adolescenti, al quale, è stato chiesto di non usare Fb per una settimana. Infatti gli esiti sono stati confortanti perché i minorenni hanno dimostrato come si sentivano meno depressi navigando poco, nel mondo virtuale.

Arrivati fino a qua, ci si pone una domanda: in realtà a cosa si rinuncia quando si passa molto tempo online? Per chi studia comunicazione e per gli addetti ai lavori, la risposta è quasi naturale ma per gli adolescenti è più complesso da comprendere. Quello che manca, in tutto questo processo, è la felicità/emozione che regalano i rapporti sociali, l’interazione faccia a faccia. Sono tutti sentimenti, aspettative, impressioni che non possono essere sostituiti/vissuti mediante un display.

social-network

Il consiglio, che non è solo per i soggetti più deboli ma anche per gli adulti è: lasciate a casa gli smartphone, staccate Internet e uscite, fate una lunga passeggiata. E’ difficile da dire e ancora più da fare ma la vita è là fuori e ci aspetta!

Eh voi #CIMERS? Quanto tempo trascorrete online? Pensate di trascurare qualcosa? Fatevi sentire e condividete con noi, le vostre opinioni sui social. Vi aspettiamo!

Fabiola Davì

Annunci

CONSIGLIATI DA CIMO: SETTIMANA DAL 18 AL 24 DICEMBRE

Il Natale è alle porte. La corsa frenetica per gli ultimi acquisti, le luci e i colori della città, e il freddo che ci circonda. Si respira un clima di allegria contagiosa che si ritrova ovunque, dai mercatini ai musei. E allora godiamoci questi giorni con un occhio attento agli eventi milanesi!

Continua a leggere

DARK: passato, presente e futuro. Tu cosa sceglieresti?

Viviamo in un’epoca dove certe domande sono nascoste o forse facciamo solo finta di dimenticarle. Per dirla con le parole di Einstein: “La distinzione tra presente, passato e futuro è solo un’illusione ostinatamente persistente”. Continua a leggere

XmasCIMO #3. Un giro per le città natalizie da non perdere

Ci siamo quasi. Sta arrivando il periodo dell’anno che molti aspettano con più trepidazione e gioia. Le strade si illuminano di luci, i negozi vengono decorati con mille addobbi e si respira quell’aria di vacanza e tradizione che piace tanto. Insomma, ormai il Natale è alle porte accompagnato dalla solita lista di desideri, primo tra tutti un bel viaggio. Per chi avesse in programma di visitare qualche città diversa dalle più conosciute mete europee, vi proponiamo una lista di alcune tra le più particolari città del Nord Europa assolutamente da scoprire!

Continua a leggere

VISIONI DAL MONDO: IL FILM VINCITORE DEL CONCORSO ITALIANO

Per la terza edizione del concorso per film documentari Visioni dal Mondo, Immagini dalla realtà – tenutasi a Milano nel mese di ottobre e sponsorizzata da Rai Cinema – a portarsi a casa il premio della giuria è stato Punishment Island: un film scritto, montato e diretto dalla documentarista fiorentina Laura Cini, le cui protagoniste sono delle donne mal considerate dalla propria comunità e trovavano la morte su un’isola africana. Continua a leggere

XmasCIMO #2. I libri da spacchettare sotto l’albero

Cari CIMERS, Ogni Natale – dacché io abbia ricordi – tra i vari pacchetti sotto l’Albero c’è sempre stata una costante: un libro regalato dai miei genitori. Un dono di cui né io né mio fratello saremmo mai stati privati.  Continua a leggere

XmasCIMO #1. I film da rivedere durante il Natale

Dicembre, le strade piene di luci scintillanti e i negozi inondati di idee regalo e di musica natalizia. Non siete ancora in mood Natale? Allora ecco qualche consiglio cinematografico per buttarvi a capofitto nel periodo più bello dell’anno!

Continua a leggere

VIRGINEDDA ADDURATA. Intervista all’attrice Francesca Vitale

Per il secondo appuntamento con la rassegna teatrale Palco Off, Francesca Vitale e Egle Doria ci portano nel cuore di una vicenda dolorosa e spirituale (ma anche cinica e ironica) con VIrginedda Addurata (Vergine Adorata). Abbiamo intervistato Francesca Vitale, che sul palco vestirà i panni di Santa Rosalia. Continua a leggere

CIMO TOP TALENT #16 MILAN CALLING: QUANDO AVANGUARDIA, ESPLORAZIONE E RICERCA SONO IL MANTRA DI UNA TRASMISSIONE RADIOFONICA

Vicentino e studente del secondo anno di CIMO, Tommaso Chiodi è uno degli ideatori e conduttori di Milan Calling, trasmissione radiofonica di successo in onda il Mercoledì dalle 21 alle 22 su www.radiostatale.it, la web radio dell’Università Statale di Milano.

Continua a leggere

PALCO OFF. Come un granello di sabbia: la vera storia di Giuseppe Gulotta

Entro nella sala del Teatro Libero e vengo accolta da una piacevole degustazione di prodotti siciliani: il fil rouge di questa rassegna è proprio la Sicilia, in tutte le sue sfaccettature. Ed è proprio di Sicilia che parla lo spettacolo “Come un granello di sabbia”, di Massimo Barilla e Salvatore Arena. È la storia di Giuseppe Gulotta, un uomo siciliano che per errore venne arrestato e incarcerato per ventidue lunghissimi anni. Continua a leggere