IL NUOVO VOLTO DI VOGUE ITALIA

La rivista di moda italiana da sempre sinonimo di avanguardia si affaccia al 2020 con un numero unico nel suo genere, non solo innovativo ma sostenibile. Emanuele Farneti, direttore dal gennaio del 2017, svela sui social le copertine del primo numero del nuovo decennio e spiega che la creatività può, e deve, farci esplorare nuove strade. Continua a leggere

FRANCA BETWEEN CHAOS AND CREATION

Franca Sozzani è stata ed è rimasta una figura monolitica. Il documentario Franca: Chaos and Creation, girato dal figlio Francesco Carrozzini, consegna ai posteri l’aura di questa evanescente figura. Probabilmente Franca non ha mai toccato le punte di esclusività raggiunte dalla collega Anna Wintour che, la leggenda narra, presenzia alle feste per quindici minuti e poi come è arrivata, ritorna invisibile; ma di sicuro ha lasciato dietro di sé un velo di misticismo.

Continua a leggere

EMANUELE FARNETI: DALL’EREDITÀ DI UN MITO AL RITORNO ALLA PAROLA

Con una precoce, lunga e variegata carriera alle spalle, che ha toccato tutte le facce della comunicazione – dall’ufficio stampa, alla televisione, per arrivare all’editoria –, con un background dalle texture (per rimanere in tema) multiformi e un percorso non saldamente ancorato al mondo fashion, arriva in cima alla piramide di ben 8 testate ed è oggi editor-in-chief di una delle riviste più importanti e cosmopolite d’Italia: il romano (solo per nascita) ma milanesissimo Emanuele Farneti a inizio 2017 ha raccolto il prezioso e delicato testimone tragicamente lasciatogli dall’intramontabile Franca Sozzani e sta dando prova di grande abilità. 

Continua a leggere

FASHION TODAY #3: EDITORIA E NUOVI MEDIA

Emanuele Farneti, direttore di Vogue Italia, chiude autorevolmente il ciclo di incontri del Fashion Today, che ha portato in Università Cattolica Alessio Vannetti, direttore della Comunicazione mondiale di Gucci e Angela Missoni, direttore creativo di Missoni S.p.A.

Continua a leggere

LIFE IN VOGUE

Quando varchi la soglia della redazione di Vogue Italia ti senti quasi come Andy Sachs de Il diavolo veste Prada. Continua a leggere