VINTED: LA MODA “SECOND HAND” APPRODA IN ITALIA

Come diceva una nota scrittrice statunitense «Le mie idee non mi arrivano solitamente alla scrivania mentre scrivo, ma mentre sto vivendo». Ed è proprio all’interno di un frame di vita quotidiana che ha preso piede Vinted, la ormai celebre app di moda, nata da un bisogno e da una spinta dal basso, lontana – almeno inizialmente – da logiche produttive top-down.

Continua a leggere

LUSSO SI, MA GREEN E DIGITALE

Digitale e sostenibile sono due aggettivi che si sentono menzionare ricorrentemente in conversazioni legate al futuro di, praticamente, qualsiasi genere di business. Quello della moda non è certo da meno.

Continua a leggere

PINKO E LA BLOCKCHAIN SULLA STRADA DELLA SOSTENIBILITÀ TRACCIABILE

Per le case di moda essere sostenibili è sempre meno una scelta coraggiosa e avanguardista: per stare al passo con un mercato sempre più critico ed esigente, rivalutare la propria catena del valore e rendersi più green è essenziale. Di strade verso la sostenibilità ce ne sono molte e le sfide non sono certo poche; una di queste sta nell’abilità del brand di rendere conscio il cliente di come sia stato creato l’articolo e della “vita” che ha vissuto prima di entrare nel suo armadio. Per sostenere una filosofia di consumo consapevole, è, infatti, necessario che gli acquirenti siano a disposizione di tutte le informazioni necessarie così da prendere una decisione oculata.

Continua a leggere

PERLANA SCEGLIE GOOD SUSTAINABLE MOOD PER LA CAMPAGNA #RETHINKFASHION

Dal famoso slogan “Nuovo? No, lavato con Perlana!” alla campagna #RethinkFashion: la strategia di Perlana e la giovane start up Good Sustainable Mood per la promozione di un mondo più sostenibile e consapevole.

Continua a leggere

L’ACCORDO DI COCA-COLA E KIPLING VERSO UNA MODA SOSTENIBILE

L’industria del fashion cerca ogni giorno di avvicinarsi al trend della sostenibilità e va alla ricerca di soluzioni innovative per rispettare l’ambiente. Di recente, anche Coca-Cola ha siglato una collaborazione con il noto marchio di abbigliamento e accessori Kipling per la commercializzazione di una nuova collezione volta al riciclo della plastica.

Continua a leggere

LUSSO E SOSTENIBILITÀ: MODA O NECESSITÀ?

L’industria della moda come slancio verso un universo sostenibile fa storcere il naso se si pensa al fast-fashion e alla moda compulsiva. La musica cambia quando si parla di lusso e sostenibilità ambientale.

Continua a leggere

MEDIA E MODA, MODA E CINEMA: IL CASO DIOR

Il cinema ha la capacità di parlare di pressoché qualsiasi argomento, trasportando lo spettatore in qualsiasi epoca, luogo o immaginario, ma per rendere credibile la narrazione non può prescindere dagli abiti. Ma cosa succede quando la moda da semplice oggetto di scena ne diventa il soggetto?

Continua a leggere

MADE IN ITALY: L’ALTA MODA ITALIANA DIVENTA UNA SERIE TV

Quando si parla di alta moda non si può che pensare all’Italia. Made in Italy nasce proprio per omaggiarla, raccontandone la nascita attraverso una serie televisiva che, attraverso le storie dei più grandi stilisti italiani, vuole far scoprire in che modo sia riuscita ad affermarsi a livello internazionale.

Continua a leggere

THRIFT FLIPPING: SOSTENIBILITÀ O DANNO IRREPARABILE?

Se ancora molte delle nostre mamme e nonne vedono gli affaroni che siamo riusciti ad agguantare su Depop dopo ore di scrolling come articoli appestati, prefigurandosi un* ex-proprietari* infett*, per molti di noi Gen Z avere abiti di seconda mano nel proprio armadio è qualcosa di assolutamente normale. Secondo dati di thredUp, una delle piattaforme di resale più note al mondo, il 90% degli shopper di questa generazione è giá in possesso o si dice apert* ad acquistare secondhand. La spinta sarebbe, in primo luogo, la sostenibilità, tema molto caro a tutti gli wannabe (o semplici fan di Greta) Thunberg, ma anche la possibilità di pagare un pezzo stracciato per pezzi vintage originali che si adattano perfettamente all’estetica in voga su Instagram.

Continua a leggere

LA MODA CHE SI METTE IN (VIDEO)GIOCO

Acquisti di pigiami, tute di cachemire e calzettoni di lana a parte, la moda e lo stile sono stati accantonati dai più nell’ultimo anno. La mancanza di occasioni quotidiane per indossare vestiti veri e propri e, ancor di più, di eventi che richiedono dress code elaborati hanno eliminato ogni scusa per sognare un outfit, bramare un accessorio o anche solo di ricercare affari in periodo di saldi. Viene quasi da chiedersi che importanza può avere la moda in un momento come questo, in cui quasi letteralmente tutto sembra essere più rilevante del sapere quali saranno i trend per l’autunno-inverno 2021/22.

Continua a leggere