CimoTopTalents #3 Instagram e promozione territoriale. Sara De Luigi, fotografa ed instagramer, spiega come si fa

Fotografa e artista dei colori, instagramer con circa 2000 followers e una profilo su cui posta le sue creazioni, local manager di IgersVarese, collaboratrice della D.M.O.,  Destination Marketing Organization dipartimento per la promozione territoriale della Camera di Commercio di Varese e, in coda alla lista ma non da meno, laureanda CIMO. 

Questo chef della macchina fotografica è Sara De Luigi, che racconta come è nata la sua passione nel campo fotografico. «Tutto è cominciato anni fa quando i miei genitori per regalo di compleanno mi hanno regalato una reflex. Il mondo della fotografia è sempre stato per me motivo di curiosità, ma mai a tal punto da comprare una macchina professionale. –racconta Sara- Inizialmente l’utilizzo che facevo della mia Nikon era parziale, la portavo con me nei viaggi e una volta terminata la gita fuori porta, la rimettevo nel cassetto. Poi è diventato qualcosa di più, è diventato un mezzo per raccontare il mio vissuto, per documentare quello che i miei occhi osservavano, mi serviva per dare sfogo a quello che a volte anche solo con le parole è difficile esprimere, pian piano ogni giorno sempre di più il mio rapporto con la macchina fotografica è cresciuto»

La passione di Sara ha anticipato quello che attualmente è pane quotidiano. Tutti almeno una volta hanno fotografato un orizzonte al tramonto, un piatto di sushi o se stessi allo specchio, insomma la fotografia è parte della nostra vita, un fenomeno che si è ingigantito in seguito all’evoluzione della tecnologia e grazie all’utilizzo sempre più invasivo dei social. Gli sviluppi tecnologici dell’ultimo decennio hanno portato (inevitabilmente) ad avere telefoni che allo stesso tempo chiamano e fotografano, che permettono di mandare sms e di taggarsi sulla spiaggia nel locale in riva al mare o semplicemente di scrivere in diretta quello che si pensa. Grazie a questi dispositivi è possibile migliorare la propria immagine e costruire un vero e proprio diary della propria vita.

fullsizerender-2

Un writer a Parigi

Ad accompagnare spesso l’istantanea sulle svariate piattaforme social, è una descrizione della stessa. Instagram lo dimostra, ogni immagine è incorniciata da un caption che varia a seconda della fantasia e dell’ispirazione, nel caso di Sara le didascalie sono medio lunghe. «I commenti che faccio alle fotografie sono proporzionati all’esigenze dell’utente, consapevole del fatto che il fruitore di Instagram preferisce leggere frasi d’effetto. –spiega la fotografa- Amo la scrittura e raccontare un ritratto o un paesaggio con una descrizione dettagliata che a mio parere completa quelle che, nel momento dello scatto, sono state le mie sensazioni. Mi piace scrivere ma allo stesso tempo è giusto accontentare l’utente».

Quasi 2 mila i follower di Sara sul suo profilo Instagram dove giocano armoniosamente vedute naturalistiche di ampio respiro e grande profondità di campo, colori tenui e contrasti ricercati, un’attenzione delicata ma decisa alle forme, qualche personaggio spesso ripreso di schiena che si staglia contro la profondità a volte vertiginosa dello sfondo, un cappellino, uno zaino colorati, un particolare a spezzare la caduta.

La cimer è inoltre local manager di IgersVarese.

15045568_10209937832833954_1155239595_n

Un’altra foto dal profilo Instagram

Che cosa è IgersVarese e che significa local manager? Facciamo un passo indietro. Instagramers Italia è la community italiana degli appassionati di Instagram, In Italia sono presenti 84 community tra regionali e locali. Gli Igers italiani promuovono iniziative sul web che si concretizzano spesso in passeggiate fotografiche (Instameet e Instawalk), mostre, biciclettate, incontri culturali, happening e challenge, puntando ad integrare cultura, sport e social media e avvicinando le persone al territorio, attraverso la fotografia. Contribuiscono con i loro scatti istantanei, condivisi su Instagram e sugli altri social network, alla promozione del territorio creando un’eco mediatica con un grande potenziale di diffusione in tutto il mondo. «Io sono local manager del profilo IgersVarese, ovvero sono responsabile della selezione delle immagini che chiunque, attraverso un # può pubblicare. –spiega Sara– Mi occupo inoltre della gestione della community e di organizzare eventi sul territorio varesino>>.

fullsizerender-1

La collega Ilaria Villani

Insomma, Sara è gestore di un profilo, la decisione di cosa pubblicare o meno su IgersVarese spetta a lei e alla sua collega Ilaria Villani. Non male come inizio di carriera.

La capacità di trasformare la creatività in lavoro è per Sara un sogno. «Mi piacerebbe occuparmi della creazione di contenuti, fotografici e testuali per una realtà nel settore travel o, addirittura, mi piacerebbe lavorare come freelance. –afferma la giovane creativa- Per ora mi accontento dei miei traguardi che grazie agli stage svolti in Università, porto avanti tutt’ora. Lavoro infatti in Camera di Commercio, nella  D.M.O – DESTINATION MARKETING ORGANIZATION di Varese, dipartimento che si occupa di promuovere il territorio. Grazie alla mia esperienza sono riuscita a crearmi una rete di contatti che mi dà regolarmente la possibilità di tenermi allenata con la mia passione più grande».

CIMOreporter – Ginevra Rossi

Annunci