LA MANIFATTURA TABACCHI: DA EX INDUSTRIA ABBANDONATA A SPAZIO POLIFUNZIONALE

La Manifattura Tabacchi, situata a Firenze, a soli 10 minuti dal centro della città è un luogo unico ed innovativo che può essere definito come un piccolo paese all’interno di una grande città. La struttura è una ex fabbrica di sigari progettata dall’Ingegnere Pier Luigi Nervi che risale agli anni ‘30 ed è composta da 16 edifici che si estendono per una superficie di circa 100 mila m².

La Manifattura dal 2001 è cessata di essere operativa e solo nel 2016, grazie ad una joint venture tra il Gruppo Cassa depositi e prestiti, attraverso la sua controllata Cdp Immobiliare e il Gruppo Aermont, hanno avviato un progetto di riqualificazione di spazi mantenendo l’architettura originale e riadattando su essi i nuovi spazi dedicati a eventi, arte, moda, design, istruzione ma anche luogo dove poter acquistare prodotti artigianali, libri ed incidere canzoni. L’obiettivo per la Manifattura è creare una destinazione per il contemporaneo nella città di Firenze. Il progetto al momento non è completato ma di volta in volta vengono inaugurati nuovi spazi e presentati i progetti futuri ai quali la Manifattura lavora. Ad esempio, una delle novità del 2022 è stata la possibilità di acquistare loft e suite living per poter abitare all’interno della Manifattura in un contesto unico nel suo genere.

All’interno della Manifattura, da un punto di  vista artistico vengono dedicati spazi a residenze d’artista ed inoltre ci sono vari progetti  in essere come NAM, Superblast, LoudLift, +Cascine, Toast e Makers.

NAM – Not A Museum – è il programma di arte contemporanea della Manifattura. Un progetto che unisce vari tipi di arte e indaga sul rapporto tra arte, scienza e natura. All’interno degli edifici vengono ospitate periodicamente opere d’arte, performance, cinema ma anche attività di divulgazione con l’obiettivo di raggiungere un pubblico più ampio possibile. Not a Museum proprio perché il suo obiettivo è quello di non essere un museo ma un luogo di produzione e condivisione dell’arte e allo stesso tempo un unione tra arte e vita senza farne una distinzione.

Superblast – un evento che è alla sua seconda edizione, una chiamata alle arti per la produzione artistica e la sperimentazione di linguaggi interdisciplinari con l’obiettivo di riflessione su temi del contemporaneo.

LoudLift – un micro-studio di registrazione a gettoni, il primo d’Italia, che si trova all’interno di un ascensore nell’edificio B9 della Manifattura. All’interno di questo vi è la possibilità di registrare un brano musicale della durata massima di 4 minuti e l’utente può scegliere se registrarlo in una chiavetta USB o se ricevere a casa dopo qualche settimana il vinile con incisa la canzone registrata. Il LoudLift si ispira ai recording-booth americani del dopo guerra.

+CASCINE – è un lavoro di ricerca con l’obiettivo di promuovere e valorizzare il Parco delle Cascine di Firenze. Si parte dalla sua storia fino a contribuire attivamente con idee di progetti con lo scopo di andare a migliorare la tutela e la vivibilità del parco come ecosistema vivo e prezioso per la sua comunità.

Toast – nato nel 2019 nell’ex portineria della Manifattura Tabacchi, è stato creato dall’artista Stefano Giuri con l’obiettivo di supportare la ricerca artistica contemporanea grazie a progetti site specific. La particolarità di questi progetti è che ognuno è corredato da una pubblicazione edita da Aosta Publishing.

Makers – spazio dedicato ad artigiani con laboratorio e rivendita al consumatore finale. All’interno di questo spazio si trova anche la libreria più piccola del mondo, The Lift di 2,52 m² gestito dalla libreria Todo Modo che si trova all’interno di un vecchio montacarichi della Manifattura. All’interno di questo è possibile trovare pubblicazioni dell’editore Humboldt Books, casa editrice specializzata in storytelling ed esperienze di viaggio.

All’interno della Manifattura Tabacchi ha preso vita anche una parte di scuola del Polimoda, una delle scuole di moda più importanti a livello mondiale che ha deciso di utilizzare gli spazi della Manifattura per creare laboratori di confezione, maglieria e aule di disegno.

La Manifattura è un luogo da non perdere se si passa dei giorni a Firenze dove si può visitare i suoi spazi, le esposizione del NAM ma anche per prendere un aperitivo in un luogo unico e suggestivo per vivere una nuova esperienza.

Maria Caterina Andreini