BLACK PANTHER È DONNA: MARVEL STUDIOS GUARDA SEMPRE PIÙ AL PUBBLICO FEMMINILE

Black Panther: Wakanda Forever” è forse uno dei titoli più attesi di quest’anno, in particolare dopo la tragica scomparsa dell’attore protagonista, Chadwick Boseman; il pubblico ha riposto grande aspettative sul film, chiedendosi in particolare se ci sarebbe stato un sostituto per il ruolo di Black Panther, o se sarebbe stata presentata una figura totalmente nuova.

Il nuovo titolo della saga è stato un vero e proprio omaggio all’attore scomparso nell’agosto del 2020: a partire dalla presentazione del celebre logo di Marvel Studios, con lo scorrimento di immagini raffiguranti Boseman nel primo film, privo di colonna sonora, così da creare un emozionante momento di simbolico silenzio funebre, per arrivare alla scena post credits seguita dalla scritta “Dedicato al nostro amico Chadwick Boseman”. Il tema principale della narrazione verte infatti intorno all’elaborazione del lutto: la scelta di non sostituire l’attore di T’Challa ma di riportare sullo schermo il dolore di una perdita condivisa non solo ha evitato il rischio della furia di un pubblico affezionato, ma ha saputo dimostrare la forte sensibilità della produzione, oltre a rimarcare un legame forte e il rispetto nei confronti di un loro amico e collega.

Il film riprende i valori presentati anche nel primo capitolo, in particolare la forte critica all’oppressione colonialista e la celebrazione di valori come l’identità, le radici, la casa e le usanze. A tal proposito viene raccontato di come le potenze mondiali, una volta venute a conoscenza delle tecnologie avanzate nascoste per secoli dal regno africano del Wakanda per proteggersi, abbiano cercato in ogni modo di appropriarsene con l’inganno e con la forza.

Essendo il film un pilastro della comunità nera non è un caso la collaborazione con Rihanna, la quale ha scritto la colonna sonora del film, Lift me up, diventata immediatamente virale. Nel corso della narrazione la protagonista cita anche il marchio di cosmetica della nota cantante, Fenty Beauty, esplicitando persino la colorazione del fondotinta indossato dalla compagna di avventure, Okoye. Il tutto è stato ripreso dalla pagina Instagram di Fenty, che tramite un quiz ha interrogato i suoi follower per vedere se si ricordavano il numero della colorazione.

La scelta di collaborare con un brand di make-up a primo impatto potrebbe sembrare inusuale per un marchio come Marvel Studios, ma la realtà è che quest’ultimo negli ultimi anni sta puntando sempre di più ad una ‘virata al femminile’; confrontando il primo film di Black Panther del 2018 con Wakanda Forever è ben visibile in quest’ultimo il netto aumento di personaggi femminili al centro della narrazione, culminando con la rinascita di Black Panther nella protagonista Shuri, sorella del defunto T’Challa.

In conclusione, nonostante gli snodi narrativi principali potessero essere sviluppati in maniera più attenta, il film sicuramente non ha deluso le aspettative del pubblico per quanto riguarda la celebrazione e il ricordo del defunto Boseman. Da apprezzare anche il ritorno dei valori portanti della comunità nera, senza dimenticare una buona strategia di marketing che vede il grandissimo ritorno della figura di Rihanna sulla scena musicale, generando un hype consapevole e benefico alla promozione del film stesso.  

Sara Celona