UN’IDEA CHIARA (FERRAGNI)

Non è la prima volta che l’influencer di fama mondiale, Chiara Ferragni, compare nelle copertine cartacee e non solo in quelle digitali e adesso, post lockdown, riparte alla grande!

Già nel 2018 era presente sulla copertina de L’economia in allegato con Il Corriere della sera per raccontare del suo futuro da fashion influencer e non solo, affermando così “il futuro è donna”. A distanza di due anni, torna in prima pagina, con nuove promesse e nuova audacia, ribadendo ancora quanto sia importante il ruolo della donna in carriera nella società.

Quest’anno il cambiamento davvero emozionante per la Ferragni è stato iniziare a dare un futuro massiccio al suo brand Chiara Ferragni Collection, facendolo evolvere verso un marchio di lifestyle completo, che non sia collegato solamente ai suoi fan, ma che possa avere vita propria. L’obiettivo è che presto questo possa essere quotato in borsa o appartenere ad un gruppo di lusso. Per adesso si mira a creare un marchio e un’azienda appealing, concentrandosi sul marketing relazionale e sulla brand identity. Nonostante siamo nel 21° secolo e la parità dei sessi dovrebbe essere la normalità, neanche per le donne audaci e famose come Chiara è così scontato. Infatti, l’intervistatrice delCorriere della sera, per concludere afferma: “Per tornare ai soci. Si dice che lei li divori…” riferendosi all’ex fidanzato di Chiara e a un suo azionista, l’influencer risponde in maniera molto mirata «E’ che gli uomini non ci prendono troppo sul serio».

Ma la Ferragni non si è fermata qui, questo settembre 2020 per lei è davvero un mese di forti emozioni e compare anche nell’intervista di Vanity Fair, condotta da Simone Marchetti, riassunta nelle parole “madre, figlio e spirito social”.

L’articolo mostra una Chiara Ferragni senza veli, con le sue fragilità, il suo essere mamma e la sua determinazione; già nel suo documentario Unposted (2019), parlava dell’avere “una Chiara che vorrei”, ovvero una sorta di sé stessa immaginaria a cui si appellava per poter migliorare giorno per giorno. Si definisce una sognatrice e con la forza di volontà di mandare sempre avanti i suoi valori, senza vergogna e senza censura. Nell’intervista mette in luce la fierezza di essere italiana e di quanto per lei sia importante l’Italia, poiché avendo vissuto anche in America, ha sentito quanto sono distanti i due tipi di società. Parla poi di sé, di come è stata educata, nel rispetto e nell’amore per gli altri, mette in luce aspetti più umani come la perdita di un suo collaboratore e anche della fragilità di essere mamma di Leone. Diventa umana e come ogni giovane donna spesso mira alla perfezione, ma sfata abilmente questo mito con una frase quasi poetica: «La perfezione non esiste, la perfezione è un ostacolo». Non si tira indietro e parla di come si è innamorata di Fedez ed è spiazzante come si trapeli da tutti i pori il suo messaggio femminista: «Nella nostra società, se sei una donna devi fare il doppio, forse il triplo della fatica. E le sfide giornaliere sono infinite. (…) le donne, a differenza degli uomini, sono chiamate a fare compromessi. Ecco, non fate compromessi, perché gli uomini non li fanno». Chiara è vera e la sua grande forza è proprio in questo. È consapevole del pericolo dei social e di quanto facciano pensare che “il giardino del vicino sia sempre più verde”, ma rassicura che nulla è davvero così, neanche la sua vita. Parla, infine, esplicitamente del suo lavoro, di quanto non sia ancora riconosciuto al 100% ma l’impegno, la costanza e la creatività sono le sole che hanno potuto fondare questa nuova professione.

O la si ama o la si odia, questo è certo, ma rimane comunque un’influencer con carattere da vendere e una bella dose di audacia femminile, sempre più necessaria nel mondo di oggi.

Andrea Floriana Barattucci