Instagram e figli: istruzioni per l’uso

Dopo episodi tragici, casi mediatici, scandali e proteste, dopo il fallimento della proposta di Instagram Kids, altri scandali e altre proteste, Instagram ha finalmente annunciato l’implementazione di nuove funzionalità entro marzo, con l’obiettivo dichiarato di rafforzare la protezione degli adolescenti e fornire supporto ai genitori. Scopriamole insieme.

L’inserimento di una sorta di “parental control” sulla piattaforma più utilizzata del momento era una proposta da tempo auspicata, soprattutto dalle famiglie volenterose di tutelare i giovanissimi dalle mille insidie del Web.

Il sopracitato progetto di Instagram Kids era proprio stato pensato per affrontare una questione importante: i bambini stanno ottenendo il primo cellulare sempre più presto, dichiarando un’età falsa e scaricando applicazioni destinate invece a coloro che hanno 13 anni o più. Non potendo proibire ai ragazzi di essere online, era quindi desiderio della società permettere loro un’esperienza Instagram che fosse adatta e sicura, sulla falsa riga di quanto già fatto da Youtube e TikTok con le loro versioni per bambini. 

Tuttavia, come ha dichiarato il numero 1 di Instagram, Adam Mosseri, questa idea è stata momentaneamente messa in stand-by; in contropartita, una lunga lista di funzioni innovative volte a rendere la permanenza nell’app libera da rischi per i cosiddetti “tweens” (fino ai dodici anni). 

Tra queste, verrà richiesto il permesso dei genitori per iscriversi, non ci saranno pubblicità, i contenuti e le caratteristiche adeguate all’età. Inoltre, i genitori avranno la possibilità di supervisionare il tempo che i loro figli passano su Instagram e addirittura, attraverso l’opzione “take a break”, impostare un limite temporale di utilizzo.

Un altro importante passo avanti sarà per loro il poter sorvegliare chi può inviare messaggi, chi può seguirli e chi possono seguire. 

L’intento è senz’altro nobile, ma circondato da coincidenze curiose. L’annuncio è infatti arrivato poco prima della testimonianza di Mosseri in un’udienza del Congresso circa la protezione dei bambini online. Ne avevo parlato già qui: Instagram e la sua società madre, la neonata Meta Platforms Inc, dopo il caso Frances Haugen sono sotto esame per i modi in cui potrebbero causare problemi di salute mentale e sicurezza online verso gli utenti più giovani. Infatti, la piattaforma di social media è accusata di non aver apportato modifiche a Instagram dopo che una ricerca interna ha mostrato l’esistenza di danni in tal senso per gli adolescenti.

La testimonianza in questione è stata un calderone di opinioni contrastanti. Il dirigente di Instagram e i senatori degli Stati Uniti hanno presentato in aula punti di vista radicalmente diversi su come la piattaforma funziona nella società e sul suo impatto sui giovani utenti.

Le accuse sono state molteplici; tra queste, Instagram è stata recriminata di aver visto la perdita di utenti adolescenti come una minaccia esistenziale che l’ha spinto a correre ai ripari, mentre la vera minaccia esistenziale da tenere sotto controllo è la dipendenza dei ragazzi verso i servizi che Meta offre. Allo stesso modo, gli strumenti proposti e sopracitati non sono stati visti dai politici statunitensi come la giusta soluzione a tutto ciò che di pericoloso e tossico c’è su Instagram, soprattutto perché l’auto-politica basata sulla fiducia non è vista come davvero efficace.

In tutta risposta, Mosseri ha tentato di rassicurare tutti affermando di star agendo per il loro medesimo obiettivo, la sicurezza online degli adolescenti, che rappresenta una sfida per tutta l’industria. Basterà un aggiornamento dell’App Store per risolverla?

Lucia Bernabei

INSTAGRAM. Trend e novità del 2018

L’anno nuovo è iniziato da poco più di novanta giorni, ma già si sono delineati i trend di Instagram: dalle tecnologie IA allo shopping online, il futuro dell’amatissima piattaforma di visual storytelling sembra promettente!

Continua a leggere

INSTAMEET. Cosa succede quando arte e Instagram si incontrano

INSTAMEET: cosa succede quando arte e Instagram si incontrano? Il 25 marzo si é tenuto al museo MAGA di Gallarate, durante la mostra “Kerouac. Beat Painting”, un instameet sull’arte di Kerouac organizzato da Igers Varese e l’ex CIMER Sara de Luigi. Ma che cos’è un instameet?

Continua a leggere

Quando INSTAGRAM ti legge nel pensiero.

Ho dimenticato di salvare la storia di Instagram, proprio quella in cui son venuta bene!”. CIMERS chi di voi non l’ha pensato almeno una volta? Chi di voi, soddisfatto della propria “storia”, non ci pensava un attimo e immediatamente la salvava nel proprio rullino pur di non perderla? Ebbene, da oggi queste non saranno più delle preoccupazioni per gli utenti di Instagram, visto che da qualche settimana a questa parte le storie finiscono automaticamente nell’archivio.

Continua a leggere

IN UN BRAND, I COLORI CONTANO DAVVERO? SCOPRIAMO INSIEME LA RISPOSTA

Nel momento in cui, noi acquistiamo qualcosa, lo facciamo quasi automaticamente. Pochi di noi, però, sanno che il colore di quella maglietta, jeans o semplicemente della confezione incide sul 90% della scelta. Infatti, per un marchio usare i colori giusti significa mettere in atto un’ottima strategia di marketing.

Continua a leggere

GLOCALNEWS#1. Instagram: potenzialità e buone pratiche

Nato nel 2010 come semplice piattaforma per geolocalizzarsi, Instagram è oggi uno dei social più utilizzati al mondo e conta oltre 700 milioni di utenti. Sabato 18 Novembre, presso il Glocalnews Festival  di Varese, si è parlato delle sue potenzialità, in particolare nella promozione del territorio e nell’ambito del giornalismo.

Continua a leggere

SOCIAL MEDIA STRATEGIES #1. Digital Strategy in cinque step

“Ho un sogno: vorrei che tutti avessero una strategia quando utilizzano i social network”. Così Alessandro Mazzù, relatore al Social Media Strategies di Rimini, l’evento per i professionisti del Social Media Marketing, durante il quale CimoInfo è stato media supporter.                                       É davvero indispensabile avere una digital strategy? Quali sono gli step da seguire?  Continua a leggere

MA L’IMPRESA ECCEZIONALE, DAMMI RETTA, E’ ESSERE NORMALE

La frase di Lucio Dalla racconta alla perfezione il personaggio social del giorno: il Papu Gomez. In un mondo di calciatori che amano postare foto a bordo di una Ferrari o di uno yacht, l’argentino rende semplice una cosa ormai difficilissima: essere se stessi. Continua a leggere

GAMES OF THRONES: ECCO COME VIENE PROMOSSA LA 7′ STAGIONE SUI SOCIAL

Qualche giorno giorno fa, precisamente il 16 luglio 2017, è uscita la settima stagione del famoso “Games of Thrones“. Voi vi starete chiedendo, ma come è stata promosso tutto ciò sui social? Leggendo questo articolo ve lo sveleremo!

L’HBO, infatti, facendo leva sulla passione per la serie tv, che a volte porta anche ad atteggiamenti poco intelligenti, ha inventato un semplice passatempo per i fan, che però, ha riscosso molto successo. Le persone, dunque, dovevano fissare per molto tempo un cubetto fino a quando questo non si scioglieva. Adesso voi vi starete chiedendo la motivazione per cui si dovrebbe passare il proprio tempo dietro a questo giochetto. In realtà, però, non c’è niente di così banale, l’HBO ha deciso di fare ciò perchè quando il cubetto si sarebbe sciolto, questo avrebbe svelato la data del lancio della nuova stagione.

I fan che, in questi mesi, hanno cercato qualcosa sul web come spoiler, trailer, non hanno trovato nulla. Certo le aspettative erano molto alte e questo stava portando ad uno stato di frustrazione per i fan, che ad un certo punto, hanno anche pensato che questo trailer non sarebbe mai arrivato. La cosa, però, è stata compiuta apposta, per creare ancora più suspense. Finalmente, poi, il trailer, è stato lanciato a fine marzo, anche se anticipava poco. Per vedere un anticipo vero e proprio si è dovuto aspettare, invece, qualche settimana più tardi. La mossa strategica compiuta da HBO? Aver lanciato il vero trailer, nel primo giorno d’estate.

social-network

Le strategie adottate sui social sono state compiute anche da parte dei protagonisti della serie su Snapchat e su Twitter. Nel primo caso, tutto è avvenuto mediante un filtro (Una volta sbloccato il codice, si poteva usare solo per un’ora) per entrare nel magico mondo della serie tv, sfidando l’aria gelata, possedendo inquietanti occhi azzurri, piercing e una faccia pallida. Insomma, tutti elementi che permettono al fan di immedesimarsi con i personaggi. Nel secondo caso, invece, una serie di tweet scritti sul social da parte di Maisie William (Arya Stark nella serie) hanno fatto capire che non sarebbe mancato proprio nulla e che ci sarebbe stato da divertirsi aspettandosi il meglio. Mm, no, forse il peggio!

Voi Cimers, cosa ne pensate? Siete appassionati di questa serie tv? Se lo siete e non vedete l’ora di vedere il seguito, condividetelo sulla nostra community.

Di seguito articoli che parlano dell’argomento legato alle serie tv – Quanto tempo hai passato a guardare serie tv? e LA SERIE “13” DI NETFLIX AFFRONTA UN ARGOMENTO IMPORTANTE: IL BULLISMO

Fonte foto: Pagina ufficiale di Instagram

Fabiola Davì

FOTOGRAFIA CREATIVA E INSTAGRAM: QUANDO UN’IMMAGINE RACCONTA PIU’ DI MILLE PAROLE

Prima delle vacanze natalizie e per i futuri scatti CIMO, grazie alla collaborazione con la dottoressa Sara De Luigi, ha dato spazio all’informazione relativa all’immagine fotografica nelle sue sfaccettature, attraverso un approccio teorico-pratico, al social network Instagram. Continua a leggere