Dumbo: l’operazione nostalgia tra remake e innovazione

Ormai è sempre più difficile trovare una storia che non sia già stata scritta. Nonostante la fantasia umana sembri sterminata, le trame continuano ad incrociarsi generando “qualcosa di già visto”.

Non solo, negli ultimi anni i registi e le case di produzione cinematografiche si stanno per la maggior parte muovendo verso una nuova operazione: quella della nostalgia. Essa avviene tramite dei semplici remake di film e serie tv che si basano su prodotti mediali già esistenti e che hanno avuto molto successo, oppure che non ne hanno avuto affatto e che, quindi, hanno bisogno di un tocco di innovazione per riuscire a spopolare.

Basare la propria strategia sulla “nostalgia” è un’impresa che può risultare più semplice rispetto alla creazione di un’idea innovativa. La difficoltà, però, sta nel riuscire a rispettare il proprio modello e contemporaneamente a inserire qualche elemento nuovo, che possa aggiungere valore al prodotto e non farlo risultare pedante.

Tim Burton con il film d’animazione “Dumbo” è riuscito a portare a termine in modo eccellente questa operazione-nostalgia. Non solo è stato piacevole ed emozionante per i bambini delle nuove generazioni che non conoscevano il dolce elefantino, ma era ricco di rimandi al film d’animazione della Disney “Dumbo”, a cui erano molto affezionati i bambini nati negli anni ’90.

Dal dolce sottofondo della canzone “Casimiro” che accompagna, come sempre, il trenino sorridente del circo, alla cicogna che si posa sul vagone di Mamma Jumbo per assicurarsi che il bebè arrivi a destinazione prima di volare via con il suo stormo, fino ad arrivare alla spettacolare danza degli elefanti rosa. Nonostante la storia sia stata in parte modificata, modernizzata e umanizzata (gli animali non hanno più la facoltà di parlare, ma i protagonisti, insieme a Dumbo, sono degli umani che hanno problematiche e impegni reali), il sentimento e l’amore nei confronti del diverso, ma dolcissimo Dumbo è rimasto sempre lo stesso.

Tutti speravamo nella riuscita della sua missione, tutti speravamo che lui potesse riabbracciare la sua mamma esattamente come quando eravamo piccoli.

Matilde Savaglio

 

Annunci