HOW TO “BRAND AMBASSADOR”

Avete notato che oggigiorno le persone tendono a conferire sempre meno fiducia alla pubblicità, mentre prestano molta attenzione alle raccomandazioni di soggetti di cui si fidano (amici, familiari, conoscenti) e alle recensioni dei consumatori che trovano online?

Questo trend va inevitabilmente a condizionare il lavoro degli addetti al marketing, i quali non potranno più limitarsi a creare campagne pubblicitarie con l’unico scopo di incrementare le vendite; come possiamo quindi incoraggiare i consumatori ad acquistare prodotti/servizi senza essere invadenti e metterli sotto pressione?

La risposta a questa domanda è il brand ambassador, ma contrariamente all’idea comune non stiamo parlando di celebrities assoldate dai brand per sponsorizzare i propri prodotti che, come molti case studies hanno rivelato, non riescono ad essere sufficientemente efficaci. I veri brand ambassadors sono soggetti che si identificano profondamente con il brand, la cui influenza scaturisce non dalla fama, bensì dalla relazione che hanno instaurato con esso.

Cosa fare allora per sviluppare questa base di fan devoti?

Il primo passo è individuare gli advocate, cioè quei soggetti che promuovono attivamente il brand senza chiedere niente in cambio; inoltre sarà necessaria una fase di attento ascolto in cui l’azienda monitora le conversazioni online e cerca occasioni di contatto con questi advocate. Successivamente è importante farli sentire coccolati, degni di attenzione, tramite l’invio di gadget, l’invito a eventi mirati o preview di lanci di prodotto. In questo modo accresceremo la loro loyalty con il nostro brand.

Infine, ma assolutamente non per importanza, è fondamentale la creazione di network: forum, communities, qualsiasi tipo di piattaforme online in cui gli ambassadors possano condividere i propri contributi e crearsi una reputazione da esperti.

Questa è un’opportunità che le aziende non possono assolutamente farsi sfuggire poiché consente loro di fruire della conoscenza dei loro consumatori più fedeli ed eventualmente introdurla in un processo di co-creazione.

Linda Pedonese

Annunci