BLACK MIRROR 4. Anticipazioni e novità

La serie Netflix Black Mirror, che unisce genere drammatico, distopico e satira, tra poche ore tornerà con l’attesissima quarta stagione. Cosa potremmo chiedere di più per un binge watching post-natalizio?

Ormai è una questione di poche ore: venerdì 29 dicembre uscirà sui cataloghi Netflix di tutto il mondo la quarta stagione di Black Mirror, la serie antologica che in ogni episodio racconta, arrivando spesso a conclusioni a dir poco inquietanti, i risvolti negativi della sempre maggiore diffusione della tecnologia nella società contemporanea. Gli scenari che presenta questa serie di mini film sono infatti futuribili e realizzabili, tanto da stimolare angoscianti riflessioni sulla nostra contemporaneità.

Anche grazie al grande successo di critica e pubblico ottenuto dalla terza stagione, in particolare dall’episodio “San Junipero”, nel cast e nella crew sono presenti grandi nomi, primo fra tutti quello di Jodie Foster, regista del primo episodio della quarta stagione.

Dallo spazio ai sistemi di controllo

Per la quarta stagione il creatore e scrittore della serie, Charlie Brooker, ha annunciato l’intenzione di spaziare tra diversi generi cinematografici, uno per ogni episodio, cosa mai fatta prima. Il primo episodio della stagione, “Arkangel”, narra l’evolversi negli anni di un rapporto madre-figlia; la tecnologia sulla quale è incentrato è quella dei sistemi di sorveglianza, la cui valenza etica fa discutere da secoli filosofi e sociologi. In questo episodio potremo ammirare nel cast Rosemarie Dewitt, già vista in “La La Land” e “Mad Men”, e Brenna Harding.

Con il film “U.S.S. CallisterBlack Mirror andrà per la prima volta nello spazio: l’episodio, di genere fantascientifico, è ambientato su una navicella spaziale. Di tutt’altro tono è la terza puntata, “Crocodile”, girata in Islanda e incentrata su uno strumento che permette di accedere ai propri ricordi grezzi: la protagonista, interpretata da Andrea Riseborough, già vista in “Birdman”, dovrà affrontare una memoria orribile del proprio passato. La serie torna ad analizzare una tematica già vista in altri episodi, come “The entire history of you”: il recupero della memoria.

Il quarto episodio dell’attesissima quarta stagione è “Hang the DJ”, diretto da Tim Van Patten, incentrato su un avanzato programma di dating online. Il quinto episodio, “Metalhead”, è una storia di sopravvivenza diretta da David Slade e segna un’altra prima volta per la serie, in quanto questo episodio è interamente in bianco e nero. Il gran finale, intitolato “Black Museum”, è ambientato in un museo del crimine e vede l’intrecciarsi di tre storie, che hanno come protagonisti i personaggi interpretati da Douglas Hodge, Letitia Wright e Babs Olusanmokun.

Le aspettative per questa stagione di Black Mirror sono altissime e i trailer rilasciati da Netflix non sembrano che confermare questa impressione. Se ne sarà all’altezza, la serie potrebbe diventare uno dei classici televisivi del genere distopico.

C’è chi guarderà tutta la serie in un giorno e chi avrà bisogno di una pausa tra un episodio e l’altro perchè scioccato da ciò che ha appena visto: a noi non resta che augurarvi buon binge watching, CIMERS!

Anita Carlotta Lorè

Annunci