IMPRESA CINEMA. Quando le passioni diventano un lavoro “vero”

Finalmente oggi ci sono prospettive per cui i sogni sembrano poter diventare realtà.
I chiostri della sede Gemelli dell’Università Cattolica di Milano hanno accolto professionisti di importanti imprese italiane e straniere, che hanno scelto la nostra Università per proporre stage e dare una piccola ma rilevante speranza a tutti gli studenti.

In particolare di grande rilevanza ed interesse è stato l’incontro con Andrea Stratta, Amministratore Delegato di UCI Italia, che con entusiasmo ha presentato il lavoro della sua azienda, per la quale lavora da anni. Uci Cinema ha aperto nel 1999 la sua prima Multisala a Curno e, dopo ben 17 anni, è stato sempre il territorio bergamasco nel maggio 2017 ad accogliere un nuovo multisala, completamente rinnovato nel suo “look” e nell’offerta di comfort che propone al cliente, come la sala IMAX, unica in Italia nel suo genere, e che ha che obiettivo quello di rendere la visione del film ancora più piacevole e soddisfacente sullo stile delle sale cinematografiche americane con schermi ampi che garantiscono una visione ottimale, quasi holliwoodiana nello spirito.
Si perché il cinema in Italia è una grande tradizione, che merita di essere sostenuta nel tempo, anche di fronte alle nuove minacce, come il digitale, Netflix o le piattaforme televisive a pagamento. Tuttavia il l’edificio e le sale dei cinema continuano a mantenere un fascino indiscusso sia nelle loro vesti tradizionali, dei piccoli cinema di città, caratterizzati storicamente, sia nei loro abiti moderni e contemporanei che puntano ad una esperienza sensoriale a 360 gradi.
L’ azienda Uci è riuscita nel corso degli anni ad aumentare il proprio fatturato tanto da essere presente ormai su tutto il territorio nazionale e poter competere a livello europeo, con ottimi risultati. Quasi 20 milioni sono i clienti annuali, ed il fatturato non è da meno. Il merito va sicuramente ad una realtà che ha fatto della soddisfazione del cliente, della ricerca della qualità e delle competenze professionali i proprio punti di forza, senza mai dare nulla per scontato, ma raggiungendo una posizione di primato rispetto ai propri competitors.
L’ospite della mattinata non solo ci ha presentato una realtà aziendale, che almeno come clienti noi tutti conosciamo, ma ci ha permesso di entrare nel suo mondo, considerando le opportunità di lavoro che Uci permette ai più giovani, ricercando talenti che siano in grado di mettersi in gioco.
Per questo è interessante considerare che in una nazione dove la percentuale della disoccupazione giovanile è alta, e i contratti a tempo determinato sono la regola per potersi permettere uno stipendio, ci sono delle realtà dove ancora oggi è possibile affermare che le passioni possono diventare un lavoro vero, ed i sogni, nel loro piccolo, sembrano potersi realizzare.
Andrea Stratta non ha voluto affrontare percentuali o polemizzare sulla condizione lavorativa italiana, ma si è permesso di affermare un pensiero o condividere una sensazione, dicendo che oggi finalmente ha ascoltato parole che lo hanno convinto, stimolato a non darsi per scontato, ma a credere che con impegno e costanza, in Italia, si può ancora partire dal basso per arrivare ad ottenere posizioni di successo, senza raccomandazioni o compromessi, ma credendo nel puro merito personale.

Non ci resta che continuare ad andare al cinema, credere nelle nostre passioni e nei nostri sogni, e perché no, anche candidarci, perché Uci ricerca sempre nuovi talenti e quelli potremmo essere noi!

Michela Baietto

Annunci