IL DIGITALE – UN NUOVO LINGUAGGIO DA IMPARARE

Come disegneresti il futuro?

È con questa domanda che Alberto CalcagnoCEO di Fastweb – apre il suo speech rivolto ad una platea di giovani interessati alle competenze e ai nuovi linguaggi da conoscere per poter costruire il loro futuro.

Durante la scorsa settimana alcune giovani studentesse e studenti del corso di laurea CIMO e del Master in Account e Sales Management hanno avuto l’opportunità di visitare lo spazio STEP creato da Fastweb e ascoltare ed interagire con Alberto Calcagno, amministratore delegato di Fastweb. STEP è stato definito uno “spazio di connessione con il futuro attraverso un’immersione nel digitale” dove è possibile scoprire la propria futurability (l’attitudine che si ha nei confronti del futuro), attraverso un percorso dalla durata di 50 minuti e una serie di step e domande da affrontare. Il percorso è completamente interattivo e si svolge attraverso il supporto di strumenti tecnologici partendo dal proprio dispositivo.

Dopo il percorso gli studenti e le studentesse si sono confrontati ed hanno ascoltato il motivante ed entusiasmante discorso del CEO di Fastweb che ha esordito chiedendo “Se doveste disegnare il futuro, che immagine vi viene in mente?”. “Un foglio bianco” è stata la risposta alla domanda, ad indicare che è difficile immaginare e soprattutto raffigurare il futuro. Alberto Calcagno fornisce però una formula per costruirsi il futuro ed iniziare ad immaginarlo. Le tre parole che sono racchiuse in questa formula sono Direzione, Attrezzatura e Compagno:

Direzione: è il digitale, definito come linguaggio. Se 40 anni fa il linguaggio da imparare per costruirsi il futuro era l’inglese, oggi è il digitale che permette di aprire un mondo di opportunità, le competenze digitali sono sempre più necessarie;

Attrezzatura: sono gli strumenti che permettono di imparare questo nuovo linguaggio e sono i corsi. Fastweb ha creato una digital academy dove è possibile seguire corsi sul digitale per avvicinarsi a questo linguaggio;

Compagno: il miglior compagno per questo viaggio nel futuro siamo noi stessi. È necessario formarsi e crescere per poter poi interagire con gli altri.

Solo seguendo una direzione, avendo una giusta l’attrezzatura e conoscendo noi stessi possiamo dissolvere le paure del futuro.

Lo speech si conclude rispondendo ad alcune domande e raccontando la sua esperienza, invitando i giovani a giocare bene le proprie partite focalizzandosi sui fattori positivi che si possono trarre da ogni sfida ed invita a non avere paura dei limiti perché essi sono solo temporanei. Quello che è un limite oggi non lo sarà domani, poiché con disciplina e costanza può essere superato, come accade nello sport. L’ottimismo è una componete fondamentale: “Se siamo ottimisti troviamo la benzina che consente di muoverci in ogni situazione”.

Il digitale è oggi un linguaggio che dobbiamo e possiamo imparare per poter riempire al meglio il foglio bianco che immaginiamo quando parliamo di futuro.  E tu sei curioso di sapere qual è la tua futurability? Allo spazio STEP di Fastweb sarà possibile scoprirlo.

Domenico De Cunzolo