COME L’INTELLIGENZA EMOTIVA PUÒ RENDERCI FELICI

Vi siete mai chiesti come sia possibile che una persona molto intelligente in ambito scolastico, risulti poco intelligente nelle relazioni con gli altri?

Daniel Goleman è il padre della teoria dell’Intelligenza Emotiva. Ha insegnato psicologia ad Harvard ed è collaboratore scientifico del “New York Times”. Ad oggi, a 75 anni, è ancora un divulgatore attivo.

Dalla quarta di copertina: “Perchè persone assunte sulla base dei classici test d’intelligenza si possono rivelare inadatte al loro lavoro? Perché un quoziente intellettivo altissimo non mette al riparo da grandi fallimenti, come la crisi di un matrimonio? Perché alcuni di noi costruiscono facilmente relazioni sociali mentre altri ne sono incapaci? In questo libro rivoluzionario che ha trasformato il nostro modo di guardare all’intelligenza, Daniel Goleman mette a fuoco l’importanza delle componenti emotive anche nelle funzioni razionali del pensiero e spiega perché il successo o il fallimento nei settori decisivi dell’esistenza sono determinati da una complessa miscela in cui hanno un ruolo predominante fattori come l’autocontrollo, la perseveranza e l’empatia. Con una scrittura accattivante e scorrevole, Goleman mostra in che modo l’intelligenza emotiva può essere sviluppata e perfezionata, per governare al meglio le nostre emozioni e ottenere il massimo da noi stessi e dagli altri.”

Questo libro spiega come le emozioni possano impattare sulla nostra vita quotidiana e quanto sino importanti sia per l’individuo che per la società; analizzare sè stessi e essere in grado di comprendere le proprie emozioni è il primo passo per vivere meglio, anche con gli altri.

Le emozioni sono importanti: ci aiutano a capire cose nuove, ci aiutano a fissare un ricordo nella nostra mente (se ci facciamo caso, quando pensiamo a un momento passato, ciò che ricordiamo maggiormente sono le emozioni legate a quell’esperienza), ci permettono di comprendere chi abbiamo di fronte e comportarci di conseguenza.

Ma scientificamente, cos’è l’intelligenza emotiva? Nel nostro cervello la corteccia prefrontale è la parte responsabile delle nostre decisioni, mentre l’amigdala è la parte in cui avviene l’elaborazione dei problemi (è il rilevatore di paura del nostro corpo). L’intelligenza emotiva è il risultato dell’ equilibrio perfetto tra queste due parti del nostro cervello: quella emotiva e quella esecutiva.

Daniel Goleman ha espresso più volte quanto, secondo lui, l’intelligenza emotiva sia importante per i leader: nel mondo delle soft skill l’autoconsapevolezza, l’empatia, l’autocontrollo e la capacità di rispondere a un certo stimolo sono fondamentali.

“Intelligenza emotiva” è un libro che riesce ad aprire le porte e porre una solida base per il mondo della psicologia. Tramite casi studio ed esempi specifici, l’autore spiega con semplicità e immediatezza i meccanismi che risiedono in quella parte incredibile e difficilmente decifrabile del nostro corpo: la nostra mente.

Chiara Pilati