SNOWPIERCER: QUANDO NEMMENO L’APOCALISSE PUO’ CAMBIARE IL MONDO

Snowpiercer è una serie tv statunitense distribuita in Italia da Netflix il 25 maggio 2020 e ispirata alla serie di graphic novel francesi del 1982 “Le Transperceneige” di Benjamin Legrand e Jacques Lob, nonché prequel dell’omonimo film del 2013 di Bong Joon-ho, regista premio Oscar di Parasite.

Ideata da Josh Friedman, e poi passata nelle mani di Graeme Manson, la serie è ambientata nel 2021: sette anni dopo gli avvenimenti narrati nelle 6 graphic novel e otto anni prima di quelli narrati nel lungometraggio del regista sudcoreano.

Le vicende di Snowpiercer si collocano infatti in un futuro post-apocalittico in cui il tentativo di rimediare al surriscaldamento globale ha portato ad una totale glaciazione del pianeta e ha costretto gli esseri umani sopravvissuti a vivere a bordo di un eccezionale treno a moto perpetuo che percorre l’intera circonferenza della Terra, chiamato appunto lo Snowpiercer.

Proprietario del treno è il misterioso Mr. Wilford, principale antagonista della storia, nonostante la sua figura non sia mai stata mostrata nei 10 episodi che compongono la serie; direttrice e “voce del treno” è invece Melanie Cavill, interpretata da Jennifer Connelly, la quale ha il compito di mantenere un equilibrio all’interno dello Snowpiercer nel nome di un bene superiore: la sopravvivenza.

Significativa ed efficace al fine dello sviluppo della trama è l’articolazione del treno in 1001 vagoni e la suddivisione dei suoi passeggeri all’interno di questi. Le carrozze in testa sono infatti occupate dagli individui più abbienti, i quali vivono nel lusso e non sembrano curarsi del fatto di dover vivere la loro esistenza rinchiusi in un treno, forti dei loro agi. Tre diverse classi di vagoni separano però i cosiddetti “paganti” dai vagoni di coda, che nella serie prendono il nome di “Fondo”, dove coloro che “non hanno pagato il biglietto per la sopravvivenza” vivono nella miseria, senza luce, senza cibo, senza cure e vengono costretti a lavorare per gli altri passeggeri.

È proprio la povertà, la malnutrizione e la rabbia degli abitanti del Fondo che darà il via ad una violenta rivoluzione, capitanata da uno dei suoi alloggianti: Layton (interpretato da Daveed Diggs). Una vera e propria lotta tra classi sociali, rappresentate perfettamente dai passeggeri e dalle caratteristiche delle carrozze che li ospitano. Una lotta che non troverà fine in questa prima stagione, la quale si concluderà con un tipico cliffhanger che ne preannuncia il proseguo, come ha confermato Netflix a giugno del 2020.

Dai tratti più crime che drammatici, Snowpiercer è una serie distopica la cui denuncia nei confronti della diseguaglianza sociale emerge forte e chiara, in linea con la indubbia tendenza di riportare in spazi e tempi diversi tematiche attuali familiari e di immediata comprensione, ma di non facile risoluzione.

Anna Rapisarda