LA POP ART DI ROY LICHTENSTEIN

Dal 1 maggio all’8 settembre il MUDEC ospita la mostra “Roy Lichtenstein. Multiple Visions”, una retrospettiva sul celebre esponente della Pop Art, curata da Gianni Mercurio.

Traendo ispirazione dai grandi artisti delle avanguardie, quali Cézanne, Matisse, Mondrian e Picasso, e stravolgendoli, Lichtenstein è diventato un punto di riferimento artistico nel XX secolo grazie alla sua arte apparentemente semplice, che si proponeva di sondare il territorio della forma stampata e della riproduzione meccanica.

La mostra, allestita in modo da evidenziare con grandi pannelli colorati i caratteristici dots di Lichtenstein, propone un percorso diviso in aree tematiche che rispecchiano le diverse fasi della produzione dell’artista. I fili conduttori di tutta l’esposizione sono i colori brillanti, i materiali innovativi e le tecniche di riproduzione delle stampe, accompagnati da una grande attenzione verso le tendenze contemporanee e verso la sensibilità popolare del Novecento.

Partendo dalle immagini epiche dei Nativi d’America e del Far West, risalenti al periodo pre-pop di Roy Lichtenstein, ci si muove verso gli oggetti quotidiani, emblemi di anti sensibilità della società americana, e gli interni, stanze bidimensionali che recano sulle pareti delle autocitazioni dell’artista. Proseguendo si incontrano le figure femminili, fondamentali lungo tutta l’evoluzione lichtensteiniana, rappresentate come casalinghe felici, cartoons idealizzati o donne sensuali e forti; la sezione dedicata agli action comics presenta le forme dei fumetti imitate a mano da Lichtenstein, mentre le ultime sale affrontano i temi meno concreti delle astrazioni, delle avanguardie, e dei paesaggi, rappresentazioni della realtà filtrata dagli sfondi dei cartoons, realizzate con materiali innovativi e puntini tipografici.

Durante l’itinerario tra le quasi 100 opere provenienti da musei, istituzioni e collezioni private, quasi passeggiando tra la cultura e tendenze americane di metà Novecento, è possibile perdersi tra gli elementi che hanno contribuito a rendere Roy Lichtenstein uno degli artisti più conosciuti dello scorso secolo.

Nicole Cilia