“TARO”: L’OMAGGIO DEGLI ALT-J A ROBERT CAPA E GERDA TARO

Che un brano musicale riesca ad ammaliare e sedurre è circostanza nota ai più, ma cosa succede quando dietro a una melodia indovinata si cela il racconto di una storia d’amore che va contro la ragione e che trascende la vita stessa?

Gli Alt-J sono una band inglese indie-pop nata nell’università di Leeds nel 2012. Taro è uno dei brani del loro primo disco, An Awesome Wave (2012), che cela il racconto di una delle storie d’amore più struggenti e intense di sempre, anche se purtroppo non molto conosciuta.

Endre Friedmann fu uno dei pionieri del fotogiornalismo di guerra. Nel 1935 conobbe a Parigi un’altra fotoreporter, Gerda Pohorylle, meglio conosciuta come Gerda Taro (da cui il titolo della canzone). I due si innamorarono perdutamente e iniziarono a scattare e pubblicare insieme le loro foto, entrambi sotto lo pseudonimo di Robert Capa.

Nel 1937, però, Gerda morì vicino Madrid, mentre documentava la battaglia di Brunete, durante la Guerra Civile. Endre per sopravvivere all’immenso dolore, continuò a svolgere il proprio mestiere di fotoreporter di guerra, lo stesso che aveva condiviso con il grande amore della sua vita, divenendo definitivamente Robert Capa; non si sposò mai.
Gli Alt-J con una ritmica orientale e un testo breve e conciso raccontano la morte di Endre, ucciso da una mina nel 1954 in Vietnam durante la prima guerra d’Indocina, e il tanto agognato dolce ricongiungimento con la sua amata Gerda.

“Porte aperte come braccia, amore mio,
senza dolore e vicino come non mai
Per Capa, per Capa Capa il buio, dopo il nulla
riunito alla sua gamba e a te, Taro.
Non curarmi gli occhi
Ho la tua immagine impressa nei miei occhi
Hey Taro”

Ho scoperto gli Alt-J grazie ad una persona interessata e poliedrica, in un momento della mia vita in cui poche cose riuscivano a sorprendermi e ad entusiasmarmi.
Soprattutto, mi ha affascinato il modo in cui questa band di giovani ragazzi riesce a creare piccoli capolavori intrecciando, sotto la superficie di ogni testo, significati diversi, suggerendo storie e soprattutto spunti interessanti di riflessione sull’essenza dell’essere umano.
Lasciati sorprendere anche tu!

Silvia Paletta

Annunci