SUMMERTIME: UN FLASHBACK A TRE METRI SOPRA IL CIELO

Il teen drama italiano, ideato da Lorenzo Sportiello e Francesco Lagi e rilasciato in otto episodi da Netflix a partire dal 29 aprile, come un potentissimo flashback ci porta indietro di 16 anni alla storia d’amore tra Step e Babi in “Tre metri sopra il cielo”.

Ispirato al romanzo di Federico Moccia, “Summertime” racconta la storia di un amore estivo sbocciato sulla riviera romagnola tra due ragazzi che appartengono a due mondi molto distanti tra loro. Summer una giovane donna anticonformista e indipendente che sogna di abbandonare le proprie radici pur essendo fortemente legata alla sua famiglia e Ale un giovane ribelle ex-campione di moto deciso finalmente a rimettere a posto la propria vita.

Come nelle pagine di Moccia, quella di “Summetime” sarà un’estate che farà fantasticare gli spettatori trascinandoli nella visione attraverso quelle emozioni e quei sentimenti che stravolgeranno totalmente l’esistenza ai protagonisti e ai loro amici di sempre Dario, Edo e Sofia.

La serie, come dichiarato dalla casa produttrice Cattleya e degli ideatori, non aspira ad essere un nuovo adattamento di “Tre metri sopra il cielo” quanto ad emozionare il pubblico con una moderna storia d’amore che rispecchi i tempi attuali. Per questo motivo, la Babi di questo serial è una ragazza di colore che si innamora di un giovane bianco scapestrato intenzionato a cambiare per lei.

Quando Federico Moccia è venuto a conoscenza di questo nuovo serial tv ispirato ai suoi racconti (nel quale però non è stato direttamente coinvolto) si è detto molto contento del progetto in quanto richiama la storia del suo romanzo e fotografa perfettamente i profondi cambiamenti della società nella quale viviamo.

La serie scorre sulle note dalla colonna sonora “Missili” di Frah Quintale e Giorgio Poi e di altre canzoni di giovani artisti come Achille Lauro, Salmo, Franco126 feat Tommaso Paradiso, Gemitaiz e Izi etc.

“Summertime”, per l’esordiente cast e le musiche che la accompagnano, si conferma un prodotto italiano al 100% capace di far sognare ad occhi aperti ancora una volta gli spettatori italiani.

Laura Attinà