THE IRISHMAN: UNA NUOVA TECNOLOGIA

“The Irishman”, il più recente capolavoro del regista Martin Scorsese, ha portato con sé una nuova tecnologia digitale per il ringiovanimento e/o invecchiamento degli attori in scena.

Con la pellicola “The Irishman” (2019), uscita sulla piattaforma Netflix e in alcune sale cinematografiche preselezionate, Scorsese ci stupisce ancora riportando sul grande schermo (e nell’universo delle OTT) il suo mondo prediletto, quello dei gangster. Attraversando trenta anni di storia americana, il film vede protagoniste le vite di tre uomini interpretati da Robert De Niro, Joe Pesci e Al Pacino.

La Industrial Light & Magic
La società che si è occupata di ringiovanire il cast stellare di “The Irishman” è la Industrial Light & Magic. Fondata nel 1975 da George Lucas, è ora la più importante azienda nell’ambito degli effetti speciali. Questa si è occupata di alcuni dei più grandi successi cinematografici della storia come “E.T.”, “Star Wars”, “Jurassic Park” e, più di recente, “The Avengers”. L’azienda è stata inglobata dalla casa cinematografica LucasFilm che oggi è diventata di proprietà della Disney.
La Industrial Light & Magic ha ricevuto negli anni ben quaranta nomination agli Oscar e ha concorso quest’anno per i migliori effetti speciali appunto nella pellicola di Scorsese e in “The Avengers: Endgame”.

Funzionamento
Questa nuova tecnologia consiste nell’affiancare alla cinepresa principale altre due telecamere a infrarossi in modo da avere altre due inquadrature con un angolo leggermente differente e in modo da poter ricostruire una perfetta immagine 3D del personaggio. All’attore, quindi, non viene applicato nessun tipo di tecnologia concreta sul volto o su altre parti del corpo.
L’immagine 3D degli attori rende possibile la loro mappatura che cerca di catturare ogni espressione e movimento della pelle dell’attore (viso ma anche parti del corpo scoperte come ad esempio le mani). La mappatura rende così possibile la modifica digitale in post-produzione che, in “The Irishman”, ha portato al ringiovanimento dei protagonisti.

Scorsese inaspettatamente entusiasta
Lo stesso regista era scettico sulla trasformazione digitale delle performance degli attori, aveva paura che una modifica digitale avrebbe apportato modifiche negative alle prestazioni attoriali del cast. Per avere una prova del contrario, la Industrial Light & Magic ha effettuato un ringiovanimento su un film, sempre di Scorsese: “Goodfellas”, per cui sono stati modificati gli stessi Robert De Niro e Al Pacino. Scorsese, visto il risultato strabiliante, esultò affermando «it’s just like it was 25 years ago!». Così ebbe inizio l’incredibile produzione di effetti speciali per la pellicola che ha sicuramente segnato la storia: il 2019 sarà ricordato come l’anno che ha sancito un punto di svolta nella produzione degli effetti speciali.

Laura Sarti