MARINA ABRAMOVIĆ IN MOSTRA A PALAZZO STROZZI: ARTE E VITA INVADONO FIRENZE

La meravigliosa cornice rinascimentale di Palazzo Strozzi, a Firenze, sta ospitando un’imperdibile mostra che sarà possibile visitare fino al 20 gennaio 2019: si tratta dell’esposizione The Cage dell’artista serba Marina Abramović.

La mostra ripercorre le tappe fondamentali della carriera dell’artista con oltre 100 opere tra installazioni, video, performance e dipinti, e prende vita dalla collaborazione diretta con la Abramović e dalla volontà di proseguire con la serie di esposizioni di arte contemporanea che Palazzo Strozzi ha ospitato negli ultimi anni.

L’artista originaria di Belgrado è diventata celebre per essere un’avanguardista della performance art, nell’ambito della quale si situa la famosissima Imponderabilia, una performance messa in scena dalla stessa Abramović e dal compagno Ulay nel 1977, in cui per accedere a una mostra tenutasi a Bologna gli spettatori sarebbero dovuti passare attraverso una stretta porta ai lati della quale i due sostavano nudi, l’uno di fronte all’altro, obbligando il pubblico a superare i loro corpi ravvicinati.

La storia d’amore tra Marina Abramović e Ulay è durata ben dodici anni, in cui i due hanno condiviso ogni aspetto della loro vita, compresa la passione per l’arte, in una relazione intensa e piena di emozioni che spesso li hanno spinti al limite e messo in pericolo le loro vite. È questo il caso della performance Death Self, in cui i due hanno sigillato le loro bocche in un bacio che gli permetteva di respirare esclusivamente l’aria emessa dall’altro, esibizione che ha portato entrambi a collassare dopo 17 minuti.

Rest Energy

Impossibile non citare, in questa rassegna di opere dell’artista, la celeberrima Rest Energy: Marina e Ulay sono in piedi con i corpi inclinati verso l’esterno, lei tiene in mano l’estremità di un arco, lui tende la freccia che punta esattamente sul petto dell’artista, metafora della forza e del rischio che ciascun individuo si trova a gestire in una storia d’amore.

Si tratta solo di alcune delle numerose performance artistiche che la Abramović ha messo in scena stupendo e allo stesso tempo scioccando la pletora di spettatori che le stavano di fronte, in una carriera artistica dominata dalla volontà di spingere al limite il proprio corpo e far riflettere sul rapporto tra vita e arte.

La mostra di Palazzo Strozzi rappresenta un’occasione imperdibile per conoscere più a fondo l’artista e immergersi in prima persona nella sua arte e nelle sue esibizioni, provando a vedere il mondo con la stessa intensità e passione emotiva che ha sempre caratterizzato la Abramović.

Linda Pedonese

Annunci