LA NOVELLA DEGLI SCACCHI – PASSIONE O OSSESSIONE?

Caselle bianche e caselle nere. Un danza strategica e minuziosamente orchestrata. Una scacchiera non è solo una tavola composta da sessantaquattro caselle su cui pedoni, cavalli e regine si muovono. Per molti significa strategia, studio e dedizione. Non è solo un gioco, è ambizione, passione e a volte persino ossessione. Emblema di ciò sono Mirko Czentovič e il dr. B, protagonisti de “La novella degli scacchi”, l’ultimo racconto di Stefan Zweig prima del suicidio, avvenuto il 22 febbraio 1942.

Continua a leggere