FORTNITE E COLTIVATORI D’ORO: il business dei videogiochi accomuna tutti

“Giocavo troppo con i videogames e mi sentivo sempre in colpa. È un totale spreco di tempo e la sera, dopo aver giocato per otto ore di fila, non ero affatto contento di me stesso. Mi sentivo esausto, usato”. Queste le parole dell’attore John C. Reilly, ma chissà se i milioni di giocatori che trascorrono ore e ore su Fortnite, nell’intento di salvare il mondo o sfidandosi a vicenda, la pensano allo stesso modo. Dire con certezza e precisione quante sono le persone che giocano a questo videogioco è piuttosto difficile, perché Fortnite è presente su piattaforme (PC, Xbox One, PS4 o versione mobile) che non permettono di vedere quanti utenti sono collegati.

Continua a leggere