LE ILLUSIONI IN CUI CREDIAMO

Jia Tolentino (firma del New Yorker) è molto conosciuta nel panorama del giornalismo internazionale per le sue analisi sociologiche sulla contemporaneità e sulla generazione Y. ‘Trick Mirror: Le illusioni in cui crediamo e quelle che ci raccontiamo’ – una raccolta di saggi – si colloca all’apice della sua carriera di scrittrice e in questo libro Tolentino si interroga su cosa voglia dire vivere nel ventunesimo secolo.  

Continua a leggere

IL NOVELLARE DI BOCCACCIO E LA SERIALITÀ CONTEMPORANEA

La meraviglia, la paura e il degrado sociale e umano nella Firenze comunale diventano lo spaesamento, l’incredulità e le problematiche etiche e socio-economiche nel mondo contemporaneo.

Continua a leggere

BASTANO POCHI TASTI PER FARE MUSICA INFINITA

È meglio il libro o il film?”. Uno dei dilemmi che ci attanaglia da decenni: da una parte il libro, capace di attivare il lettore, stimolandone la fantasia e accompagnandolo all’interno di una dimensione molto intima; dall’altra il film, con le sue immagini, musiche e suoni coinvolgenti, spettacolari e carichi di emozioni.

Continua a leggere

LA POSTDEMOCRAZIA? NIENTE PAURA, È SOLO UN BUON ANALGESICO…

Filosofo tedesco di origini sudcoreane, Byung-chul Han da tempo si è imposto nel panorama filosofico internazionale come un attento osservatore della società neoliberista e delle sue patologie. Han ha pubblicato nel 2020, in piena pandemia, un breve saggio dal titolo La società senza dolore. Perché abbiamo bandito la sofferenza dalle nostre vite (Einaudi 2021), un’acuta riflessione, senz’altro stimolata dalla diffusione su scala mondiale del coronavirus, sull’algofobia, cioè sulla paura generalizzata del dolore e su come questo abbia conseguenze sulla nostra vita democratica.

Continua a leggere

IL NOSTRO ANNO DI RIPOSO E OBLIO

Immaginate di iniziare a leggere un libro e trovare come protagonista una ragazza che in modo del tutto spontaneo e volontario si barrica in casa perché non ha altro desiderio se non isolarsi da tutto ciò che la circonda. Qualcuno potrebbe pensare ad un’analogia poco elegante con la quarantena che tutti abbiamo vissuto. Ma così non è. Si tratta de Il mio anno di riposo e oblio, il libro di Ottessa Moshfegh uscito nel 2018 – a scanso di equivoci.

Continua a leggere

IL POTERE MAGICO DELLA PAROLA

Così diceva Buddha: “Le parole hanno il potere di distruggere e di creare. Quando le parole sono sincere e gentili possono cambiare il mondo”.

Continua a leggere

LA NOVELLA DEGLI SCACCHI – PASSIONE O OSSESSIONE?

Caselle bianche e caselle nere. Un danza strategica e minuziosamente orchestrata. Una scacchiera non è solo una tavola composta da sessantaquattro caselle su cui pedoni, cavalli e regine si muovono. Per molti significa strategia, studio e dedizione. Non è solo un gioco, è ambizione, passione e a volte persino ossessione. Emblema di ciò sono Mirko Czentovič e il dr. B, protagonisti de “La novella degli scacchi”, l’ultimo racconto di Stefan Zweig prima del suicidio, avvenuto il 22 febbraio 1942.

Continua a leggere

IL FENOMENO RUPI KAUR, LA POETESSA SOCIAL CHE DEMOLISCE I TABU’

Poetessa, scrittrice e illustratrice, Rupi Kaur è una femminista convinta, un’artista poliedrica, una donna forte e orgogliosa. Si è fatta strada nel mondo complesso della poesia con naturalezza e potenza, fino a diventare, nel 2017, con la sua prima raccolta di poesie intitolata “Milk and Honey”, l’autrice più letta negli USA.

Continua a leggere

UN LIBRO CI SALVERÀ DALLA CENSURA INFORMATICA: IL CASO DEI “DIARI DI WUHAN”

Se ci fosse ancora bisogno di conferme circa il fatto che il libro cartaceo non solo non è morto  ma gode ancora di ottima salute, la vicenda di Wuhan. Diari da una città chiusa (Rizzoli 2020) è paradigmatica di quanto la pagina stampata possa sopperire alle limitazioni cui può incorrere la scrittura digitale.

Continua a leggere

ALLA RICERCA DI UNA SALVEZZA IMPOSSIBILE

Daniele è malato. La sua malattia si chiama estrema sensibilità. È una malattia incurabile che ha per effetto collaterale una febbrile empatia che lo fa sentire perpetuamente cristallizzato in un’invisibile teca sempre al limite della rottura.

Continua a leggere