NON TUTTE LE E-MAIL VENGONO PER NUOCERE (SE BEN SCRITTE)

E-mail marketing: tecnica deceduta o strategia efficace? Se protendi verso la seconda opzione, sei sulla giusta strada: un’e-mail ben strutturata riesce ad attirare l’attenzione del tuo destinatario. Ma come?

Durante la lezione di Digital Communications Management, il dott. Di Giuseppe ha presentato una serie di accorgimenti di cui tener conto per scrivere e-mail che non siano immediatamente identificate come SPAM e conseguentemente cestinate.

 

COME INIZIARE

I marketers anglofoni descrivono la strategia di scrittura di un’e-mail utilizzando l’acronimo CATS: “the right Content, served to the right Audience derived at the right TIME, equals Succes”.
Prima di gettarsi a capofitto sulla scrittura di un contenuto, è bene aver chiaro lo scopo per cui lo si scrive e il target al quale questo è indirizzato. Il risultato? Un contenuto contestuale che catturi l’interesse ed educhi il consumatore, aggiungendo valore senza chiedere nulla in cambio.

COME SCRIVERE UN’E-MAIL

L’oggetto è il gatekeeper della tua e-mail: se hai scritto un contenuto efficace ma un oggetto per nulla appealing, nessuno aprirà mai la tua e-mail. Ecco come rendere l’oggetto il più efficace possibile:

1. Utilizzare un linguaggio actionable: il dott. Di Giuseppe specifica che «la migliore tecnica è utilizzare verbi che suggeriscano l’azione che l’email consentirà di svolgere (“Prenota ora: è tempo di partire con il -50% di Italo) o parole che rendano chiaro il valore offerto dall’e-mail (“Non perderti il concerto di Bruce Springsteen!”);

2. Personalizzazione: se vuoi ottenere una maggior open rate delle e-mail, è necessario svolgere un processo di segmentazione.  Ad esempio, se dopo aver individuato il target scopri che una fetta dello stesso sta cercando casa a Milano, in una zona centrale, potresti inviare un’e-mail dall’oggetto: “6 annunci per appartamenti a Milano zona Darsena”;

3. Chiarezza: la tua priorità non è quella di rendere accattivante il contenuto ma di metter in luce quanto vuoi comunicare al tuo destinatario. Non utilizzare parole poco familiari o parole troppo lunghe. Rendi le frasi brevi: mantieniti sotto i 50 caratteri!

4. Allineare l’oggetto al corpo dell’e-mail: deve esserci corrispondenza tra quanto è scritto nell’oggetto e quanto viene approfondito all’interno del corpo dell’e-mail altrimenti i tassi di click-through-rate diminuiranno.

Continua a leggere

Annunci

Le professioni della comunicazione: i mutamenti del settore audiovisivo e il percorso di Erica Negri

La digitalizzazione ha rivoluzionato l’intero scenario del mondo del lavoro e, in particolar modo, le professioni della comunicazione. Alcuni illustri professionisti di questo campo hanno cercato di fare il punto della situazione portando le proprie esperienze presso il workshop che si è tenuto nella Cripta Aula Magna dell’Università Cattolica lo scorso 11 Maggio.

Continua a leggere

Colloquio via Skype: come non farsi cogliere impreparati

In un mondo in cui la competizione per un posto di lavoro è alle stelle e le selezioni si dividono in sempre più fasi, è essenziale conoscere l’arte dei colloqui via Skype che, se gestiti con professionalità, vi faranno arrivare alla tanto osannata “short list” dei candidati. Ecco i consigli da chi di selezione ne fa un lavoro, Roberta Montervino, account di selezione presso Synergie.

Continua a leggere

Consigli dalla HR Manager di un’agenzia di comunicazione: intervista a Giuliana Piana

Siete alle prese con le candidature per lo stage? O siete già entrati nel mondo dei colloqui
lavorativi? Allora dovete sapere che non tutti gli uffici di risorse umane fanno selezione allo stesso modo. Ecco i dos e i dont’s per fare buona impressione agli HR di un’agenzia creativa di comunicazione.

Continua a leggere

scrivere il resume

Come scrivere un resume ingaggiante?

Studiare è sicuramente importante, ed è altrettanto importante saperci presentare al meglio al mondo del lavoro  se non vogliamo vedere il nostro impegno svanire.E’ sempre utile tenere nel cassetto un curriculum in formato EuroPass – nel caso in cui volessimo lavorare per delle società pubbliche o partecipare a bandi. Tuttavia, le aziende di oggi chiedono a noi MILLENNIALS  di differenziarci, di mostrarci unici, di mostrare il nostro valore aggiunto. Continua a leggere

Come sopravvivere (e prosperare) in un Social Media Team

Oggi chi organizza eventi e festival è perennemente alla ricerca di storytellers e reporters che coprano le iniziative sui social media e gli studenti di comunicazione risultano essere versatili candidati per svolgere il lavoro: ma cosa vuol dire far parte di un Social Media Team?

Continua a leggere

CONSIGLIATI DA CIMO – SETTIMANA DALL’11 AL 17 DICEMBRE

Le lezioni stanno per terminare, ma questa settimana è più densa che mai di eventi offerti dall’Università Cattolica per i suoi studenti, così come di manifestazioni sportive e gastronomiche che ci propone la nostra amata Milano, in pieno stile natalizio! Immergetevi nell’atmosfera del Natale insieme a noi, con i CONSIGLIATI DA CIMO di questa settimana!

Continua a leggere

Creare un’infografica efficace: CIMO incontra Mario Corallo

Mario Corallo è un digital media strategist che abbiamo avuto il piacere di incontrare venerdì 3 novembre per un breve ma intenso workshop relativo alle infografiche. Cosa sono, a cosa servono e quali sono i migliori strumenti per realizzarle? Continua a leggere

SECONDO STEP: Buona la prima (impressione)! Come comunicare in modo efficace durante un colloquio

In occasione del secondo incontro incentrato sull’orientamento al lavoro che ha avuto luogo presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano mercoledì 18 ottobre, Andrea Ceriani, action learning coach presso la KKIEN ENTERPRISE e Carlotta Reale, Junior HR Business partner di MEDIOBANCA hanno fornito agli studenti preziosi consigli su come comunicare in modo efficace durante un colloquio. Continua a leggere

Da schizzo a disegno… in un click!

Quanti di noi sono cresciuti con wordart e i tool di Word? Un cavallo, una stella, un cuore e subito ci sentivamo Giotto o Leonardo da Vinci. Di strumenti per scarabocchiare online ce ne sono un’infinità ma oltre ad essere spesso complicati da utilizzare, bisogna considerare che non tutti possiedono il gene dell’artistaA prescindere dal talento individuale, disegnare sul proprio telefono, Ipad o sul computer a volte è un’operazione difficile. Ecco che Google corre in nostro aiuto, sfornando un nuovo tool per l’occasione: Autodraw.com Continua a leggere