TIME MACHINE: VEDERE E SPERIMENTARE IL TEMPO

Parma, Capitale Italiana della Cultura 2020, all’interno delle sue innumerevoli iniziative, ha deciso di offrire ai suoi cittadini ed ai turisti di tutto il mondo la possibilità di vedere e sperimentare la concezione del tempo attraverso immagini, fotografie e video del cinema e di altri media. Essendo amante della mia città, attratta da ciò, ho deciso di visitare questa mostra compiendo così il mio “viaggio nel tempo”.

La mostra Time Machine nasce da una questione fondamentale: “Le immagini e la manipolazione temporale hanno davvero avuto impatto sulla nostra percezione del tempo, del passato, del presente e del futuro?”. In risposta a ciò, l’esposizione racconta il modo in cui il cinema e altri media fondati sulle immagini in movimento, come video e video-installazioni, hanno trasformato, nel corso della loro storia, la nostra percezione del tempo.
È proprio l’affascinante claim “La Cultura batte il Tempo” che accompagnerà la città in questo suo anno speciale. La mostra, infatti, propone una sorta di “viaggio nel tempo”, che può essere compiuto da ognuno di noi, reso possibile da tecniche cinematografiche di manipolazione temporale, come il ralenti, l’accelerazione, il
fermo immagine, il time-lapse e altro ancora.
Nelle venticinque stanze del Palazzo del Governatore troviamo immagini di cinema, video e video-installazioni da osservare come vere e proprie “macchine del tempo”, secondo tre diverse accezioni: come media capaci di registrare, archiviare e ripresentare fenomeni visivi e audiovisivi. Come media che rendono possibili diverse forme di viaggio nel tempo. Infine, come media che operano diverse forme di manipolazione temporale.
Attraverso immagini provenienti dai diversi campi del cinema, della videoarte e delle video-installazioni, con alcune incursioni nella storia della fotografia, la mostra copre un arco temporale che va dal 1895 al nostro futuro prossimo. Al termine del percorso l’idea principale è quella che il cinema e gli altri media, attraverso le loro tecniche, i loro strumenti e la loro creatività hanno reso il tempo malleabile, controllabile e percorribile da ognuno di noi.

Posso raccontarvi che il mio “viaggio nel tempo” è stato affascinante, a volte
surreale, quasi impossibile, ma allo stesso tempo concreto e autentico. Un percorso fatto di emozioni, pensieri contrastanti, ricordi offuscati. Ogni mio nuovo passo era una traccia indelebile, un’immagine lontana, ma allo stesso tempo un segno, una speranza e altre volte un sogno. Come la nostra percezione del tempo possa cambiare in base a ciò che osserviamo o che ascoltiamo l’ho sperimentato proprio così. Auguro a tutti voi un “viaggio” speciale, non solo fatto di ricordi, quanto piuttosto di innumerevoli speranze.

Valentina Picinini

INNOVATION GARDEN: L’INNOVAZIONE È DI CASA A VARESE

La città di Varese quest’anno ha proposto tantissime attività culturali, noi CIMERS abbiamo avuto modo di partecipare come volontari ad un evento unico: Innovation Garden. Continua a leggere

Assolombarda, il Prof. Razzante presenta il volume “L’Informazione che vorrei. La Rete, le sfide attuali, le priorità future”

Si è parlato di fake news, protezione dei dirittiin Rete e riforma della governance Rai nel corso della presentazione del volume “L’Informazione che vorrei. La Rete, le sfide attuali, le priorità future”di Ruben Razzante, docente di Diritto dell’informazione all’Università Cattolica di Milano e alla Lumsa di Roma. Continua a leggere

LA COSA BRUTTA. Intervista con il regista Manuel Renga

Per l’ultimo appuntamento della rassegna teatrale Palco Off, Francesca Vitale, Eugenio Fea e Ilaria Marchianò sono i protagonisti de La Cosa Brutta (testo di Tobia Rossi), una pièce che, tra drammaticità e leggerezza, indaga i rapporti difficili e complessi all’interno di un nucleo familiare segnato dal lutto. Continua a leggere

CONSIGLIATI DA CIMO: SETTIMANA DAL 14 AL 20 MAGGIO

Bentornati alla rubrica CONSIGLIATI DA CIMO! Tornerà mai il bel tempo? Noi ci speriamo e per questo vi proponiamo eventi sia all’aperto che al chiuso… per stare sicuri. Non perdeteli, questa settimana ci sarà da divertirsi!

Continua a leggere

TOMORROWLAND. I Re di tutti i Festival

Chi non ha mai sentito nominare il Tomorrowland? Il festival numero uno al mondo, capace di portare oltre 400.000 persone nell’arco di 2 week end. Oggi andremo a scoprire l’evoluzione di questo festival nel corso degli anni e cosa propone per l’edizione di quest’anno. Continua a leggere

HOME FESTIVAL. Il Festival di fine estate

Torna quest’anno per la sua 9° edizione l’Home Festival, dopo il successo dell’anno scorso e le oltre 100.000 persone accorse a Treviso da tutta Europa. Oggi vi raccontiamo di questo evento, cosa aspettarsi e perché sia uno dei festival più interessanti del panorama italiano. Continua a leggere

LIFE IN VOGUE

Quando varchi la soglia della redazione di Vogue Italia ti senti quasi come Andy Sachs de Il diavolo veste Prada. Continua a leggere

CONSIGLIATI DA CIMO – SETTIMANA DAL 30 APRILE AL 6 MAGGIO

Il ponte del 1° maggio è conosciuto per i suoi famosi concerti, tra i quali, a Milano, il famoso Concerto in Barona. Ma dopo qualche giorno di pausa, Milano torna più attiva di prima e ci propone nuovamente tantissimi eventi per tutti gli interessi… e per tutti i palati!

Continua a leggere

NUOVI SPAZI CULTURALI. Creatività, professioni, pubblicati

Che cosa hanno in comune una libreria con annesso coworking (e un bar) e un teatro con annessa piscina (e un bar)? Che c’entra uno spazio per concerti ma attrezzato anche per mostre d’arte e coworking (e birrette per tutti). Così viene introdotto il volume “Reinventare i luoghi della cultura contemporanea” su cui si basa questo incontro.

Continua a leggere