NORMAL PEOPLE: UNA STORIA D’AMORE AUTENTICA E STRUGGENTE

Normal People è una serie tv basata sull’omonimo romanzo della giovane scrittrice irlandese Sally Rooney. Distribuita in Italia da StarzPlay a luglio 2020, la serie descrive l’amore tra adolescenti senza scadere nei cliché tipici dei teen drama.

È infatti la storia d’amore tra i due protagonisti, Connell e Marianne, a costituire il filo conduttore attorno al quale si sviluppa la narrazione. Connell (interpretato magistralmente da Paul Mescal, che grazie alla sua performance ha guadagnato una nomination agli Emmy Awards) è un giocatore di football insicuro ma molto popolare, la cui madre lavora come domestica presso la casa di Marianne (Daisy Edgar-Jones, la cui interpretazione è altrettanto sensazionale), una studentessa solitaria, brillante e dal linguaggio spesso tagliente.

Giovani, provenienti da classi sociali differenti e accomunati da un senso di inadeguatezza tipico dei giovani adulti, i due vedono nascere una profonda intesa nel corso dell’ultimo anno di liceo.
Dopo un breve periodo di separazione, si ritrovano a frequentare lo stesso college a Dublino, ma i loro ruoli sembrano essersi invertiti: è infatti Marianne a coltivare numerosi rapporti di amicizia, mentre Connell fatica a trovare il proprio posto in una realtà così differente da quella liceale.

Nonostante il loro costante allontanarsi e riavvicinarsi nel tentativo di comprendere chi sono e chi vogliono diventare, continueranno a costituire per l’altro un punto di riferimento stabile, entrambi consci del fatto che l’altro sia l’unica persona con cui siano realmente in grado di essere sé stessi.

Accade raramente che venga data giustizia alle storie d’amore nate in età adolescenziale nel momento in cui vengono rappresentate sul piccolo e grande schermo. Eppure, l’evoluzione della vicenda tra i due protagonisti è raccontata con una tale autenticità che, episodio dopo episodio, risulta impossibile non immedesimarsi in Marianne o in Connell.

Ad aumentare il senso di autenticità concorrono le scene di intimità, che non risultano mai volgari e mettono in scena i silenzi e le incertezze tipiche di chi, attraverso la scoperta del corpo dell’altro, inizia ad esplorare ed accettare anche il proprio.

Nel momento in cui si annuncia la trasposizione televisiva di un libro, il sentimento che pervade i lettori è quasi sempre di scetticismo. Eppure, la serie è riuscita non solo a soddisfare le aspettative di quanti di fossero affezionati ai personaggi creati da Sally Rooney, ma addirittura a superarle.

A rendere la serie profonda e introspettiva contribuiscono le inquadrature, che tendono a focalizzarsi sulle espressioni dei singoli personaggi per mezzo di primi piani, la fotografia suggestiva, come anche la colonna sonora, sempre azzeccata e mai banale.

Potente, realistica e struggente, Normal People rappresenta un piccolo capolavoro, uno spaccato di vita quotidiana che non potrà non emozionarvi.

Chiara Maria Macrì