Kingdom Hearts Orchestra: la magia della musica videoludica.

Sabato 5 ottobre 2019 a Milano, presso il teatro Arcimboldi, si è consumata una delle tappe del Kingdom Hearts Orchestra – World of Tres, un tour mondiale svolto per la promozione del videogioco Kingdom Hearts III, rilasciato il 25 Gennaio 2019 in Giappone e il 29 Gennaio 2019 nel resto del mondo per PlayStation 4 Xbox One

Il concerto era composto di due parti: nella prima si ripercorreva la storia del gioco attraverso soundtracks specifiche, nella seconda si ricostruiva il viaggio intrapreso dal giocatore tramite il protagonista nell’ultimo titolo della saga.

Il tour è alla sua terza edizione e continua ad avere un successo clamoroso, testimonianza del valore che Disney Square Enix sono riusciti a creare per mezzo della celebre serie, non limitandosi a promuoverla solo nel settore videoludico ma espandendo il loro marchio attraverso un’ampia offerta di merchandise, fumetti e album musicali.

Kingdom Hearts fa la sua prima apparizione nel 2001 con il titolo Kingdom Hearts, realizzato da SquareSoft (che poi si fuse con l’azienda Enix nel 2003). L’idea era quella di unire personaggi tipici della cultura aziendale e creativa, che aveva dato origine ai celebratissimi Final Fantasy, con il mondo e la narrazione sviluppata da Disney.  Il gioco registrò incassi altissimi, al punto da rientrare tra i 10 videogiochi più venduti per PlayStation 2. La ragione di questo successo (e del successo relativo ai sequel) è da individuare nel gameplay dinamico e nell’armonia stabilitasi tra trama, personaggi, ambientazioni e soundtracks. Fondamentali per la serie furono Tetsuya Nomura, designer e game director di Square Enix nonché ideatore di alcuni dei personaggi simbolo dell’azienda (tra cui proprio Sora di Kingdom Hearts), e Yoko Shimomura, compositrice della gran parte delle musiche del titolo.

Il concerto è stato presentato dalla stessa Yoko che, affiancata da un traduttore, ha spiegato la struttura dell’esposizione. Ha poi salutato il pubblico sostituendo il pianista nell’esecuzione dell’ultimo brano prima della fine. Inoltre, tutte le composizioni erano accompagnate da filmati proiettati su uno schermo, tratti dai numerosi titoli della serie e correlati alle themes suonate dall’orchestra.

Il plauso del pubblico e dei fan a livello mondiale è conseguenza di una grandissima qualità esecutiva e di sentimenti ed emozioni che i fruitori del videogioco hanno ricevuto dai personaggi e dal complicatissimo intreccio narrativo. Non si può che consigliare di entrare al più presto nel bellissimo mondo che Square Enix e Disney hanno creato.

Giulio Mastrorilli